Peugeot 3008 ibrida, la 4×4 amica dell’ambiente

Peugeot 3008 ibrida, la 4×4 amica dell’ambiente

Prova su strada della Peugeot 3008 ibrida 4x4: anche un'auto utilizzabile su percorsi accidentati può essere amica dell'ambiente.

Un’auto ibrida in un ambiente naturale, un’auto a bassi consumi, ecologica e silenziosa grazie alla possibilità di viaggiare anche in modalità elettrica con un’autonomia di una trentina di chilometri. Ecco la Peugeot 3008 ibrida 4×4, che Greenstyle ha provato su un itinerario che si è snodato dalla periferia sud di Milano fino alle colline dell’Oltrepo pavese.

A comporre la piccola carovana di 2 auto c’erano – oltre a un giornalista con “fiuto automobilistico” – anche 2 istruttori di guida sicura su auto 4×4 e 2 lettrici di “Tuttofuoristrada”, il mensile specializzato nelle auto a trazione integrale.

Obiettivo: mostrare che anche quando si parla di vetture non propriamente utilitarie o comunque non necessariamente riservate a una guida urbana si può parlare di risparmio energetico e di carburante, di basse emissioni e di silenziosità. Tutto ciò unito a comfort e alte prestazioni, oltre a una buona capacità di carico.

Il test è perfettamente riuscito: partito dal Castello di Peschiera Borromeo, edificio dei conti Borromeo a due passi dall’aeroporto di Linate, il gruppo si è diretto verso il castello di Cicognola, nel pavese, circondato da vigneti oggetto di un esperimento di lotta biologica ai parassiti delle viti, che prevede una forte riduzione dell’uso di anticrittogamici a tutto vantaggio dell’ambiente.

Ed è qui che la Peugeot 3008 ha dato prova della sua ecosostenibiltà, viaggiando silenziosa sulle strade collinari e nel centro storico del paese normalmente vietato ai veicoli a motore “postatore di emissioni”. Come detto, l’auto della Casa francese è una ibrida che può viaggiare anche solo in modalità esclusivamente elettrica, semplicemente selezionando una manopola, muovendo la quale si può scegliere anche la trazione integrale e la modalità “sport”, che prevede l’utilizzo combinato dei 2 propulsori che insieme sviluppano circa 200 CV.

Questo test vissuto da Greenstyle in prima persona e curato da Loriano Martinoli, direttore della rivista Tuttofuoristrada, è stato condotto con la collaborzione di 2 lettrici selezionate tra oltre una ventina che si erano candidate a partecipare, per verificare al meglio le caratteristiche di utilizzo del sistema ibrido e soprattutto per verificare come persone assolutamente “a digiuno” del funzionamento di una vettura a doppia alimentazione e a trazione integrale riuscivano ad approcciarsi al mezzo e a entrare in sintonia con lui utilizzandolo al meglio fin da subito. In effetti, guidando a bassi regimi funziona solo il propulsore elettrico dando a chi è a bordo una sorta di “effetto bicicletta” a tutto vantaggio anche delle emissioni sonore.

Ogni volta che si rallenta o si frena, la batteria agli ioni di litio riceve una piccola ricarica che fa aumentare l’autonomia. Quando la carica di tale batteria arriva sotto un determinato livello, scatta automaticamente il passaggio al motore a gasolio di cui è dotata, che oltre a intervenire sulle ruote, fornisce una ricarica al propulsore a emissioni zero, utilizzabile in seguito. Questo sistema di Peugeot consente di registrare consumi medi di appena 25 km con un litro di gasolio.

Seguici anche sui canali social