Petrolio: Trump rende più facili le trivellazioni in mare

Petrolio: Trump rende più facili le trivellazioni in mare

Fonte immagine: Foto di skeeze da Pixabay

Trump punta a rendere più facile trivellare gli oceani per ricercare petrolio off-shore.

Donald Trump renderà più facile trivellare i mari per la ricerca di petrolio off-shore. L’amministrazione statunitense punta così a smantellare la normativa stringente resa obbligatoria nel 2010 dopo il disastro ambientale provocato dall’esplosione della piattaforma Deepwater Horizon della BP (British Petroleum). In seguito all’incidente finirono nell’oceano tra i 3 e i 5 milioni di barili di greggio e morirono 11 persone.

L’obiettivo di Trump è quindi quello di favorire le aziende che ricercano petrolio in mare, e intende farlo attaccando un altro dei provvedimenti lasciati in eredità dall’amministrazione Obama. Come anticipato in un documento il Bureau of Safety and Environmental Enforsement sta “rivedendo le normative esistenti per i sistemi di controllo dei pozzi e di prevenzione degli scoppi d’aria”. Nel mirino del BSEE anche i requisiti per la prevenzione nei pozzi, ma anche il controllo dei pozzi e le “norme relative alle trivellazioni degli idrocarburi off-shore”.

Secondo quanto si apprende si ridurrà il numero di dati “in tempo reale” che dovranno essere forniti dagli operatori ai sistemi di monitoraggio a terra, oltre a diminuire il numero di test sulla sicurezza da parte delle aziende. Accese polemiche da parte degli ambientalisti sono scaturite ad esempio dall’annuncio di modifica alle normative in merito ai “blowout preventer”, dispositivi di sicurezza che dovranno essere sottoposti a requisiti di prova inferiori. Critica anche l’associazione no-profit EarthJustice in un tweet:

La regola sui controlli dei pozzi è stata una delle azioni più importanti tra quelle prese in risposta al disastro della Deepwater Horizon nel 2010. Se le disposizioni finali dell’amministrazione Trump indeboliranno queste protezioni ciò metterà a rischio lavoratori, acque e vita selvatica.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Vaillant sempre più rinnovabile: intervista a Gherardo Magri