Pesticidi provocano il Parkinson, lo rivela uno studio

Pesticidi provocano il Parkinson, lo rivela uno studio

Pesticidi possibili cause del morbo di Parkinson. Uno studio italiano avrebbe individuato alcuni legami.

Pesticidi possibile causa del morbo di Parkinson. Lo rivela un’analisi condotta su oltre cento studi scientifici mondiali dal Dr. Emanuele Cereda, ricercatore presso il Policlinico San Matteo Pavia Fondazione IRCCS, insieme con il Prof. Gianni Pezzoli dell’ICP di Milano. Sotto accusa non soltanto i “killer delle api”, ma anche solventi e diserbanti.

>>Leggi le richieste di Greenpeace riguardo i test di sicurezza sui pesticidi

Pubblicata sul numero di oggi di Neurology, la rivista medica dell’American Accademia of Neurology, la ricerca ha cercato di mostrare la connessione tra pesticidi (e altre sostanze utilizzate nelle coltivazioni intensive) e i rischi di manifestare il Parkinson. Secondo quanto affermato dal Dr. Cereda, connessioni risulterebbero circa l’esposizione a queste sostanze e lo sviluppo del morbo:

A causa di questa associazione, abbiamo riscontrato collegamenti in alcuni studi tra la coltivazione o la residenza in zona di campagna e lo sviluppo del Parkinson.

>>Leggi le possibili connessioni tra allergie e pesticidi nell’acqua

Un incremento di rischio che secondo i ricercatori oscillerebbe tra il 33 e l’80%. Nessuna connessione specifica è stata verificata riguardo eventuali differenze tra inalazione o contatto cutaneo, conclude Cereda, che sottolinea però come il pericolo si confermi proporzionale all’intensità dell’esposizione ai veleni chimici:

Non abbiamo studiato in che modo la tipologia di esposizione, nella misura in cui possa derivare da inalazione o per assorbimento attraverso il tessuto cutaneo, né il metodo di applicazione, se spray o una soluzione mista, influiscano sullo rischio di sviluppare il Parkinson. Ad ogni modo, il nostro studio suggerisce che il rischio incrementa in maniera proporzionale all’incremento dell’esposizione a questo genere di sostanze chimiche.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

4women4earth: intervista a Max Paiella