Pesce grasso riduce il rischio di sclerosi multipla del 45%

Pesce grasso riduce il rischio di sclerosi multipla del 45%

Mangiare regolarmente pesce grasso ridurrebbe del 45% il rischio di sclerosi multipla, secondo uno studio condotto negli Stati Uniti.

Mangiare pesce grasso regolarmente, almeno una volta alla settimana, riduce del 45% il rischio di incorrere nella sclerosi multipla. Così suggerisce una nuova ricerca condotta negli Stati Uniti.

Nonostante le numerose ricerche sulla sclerosi multipla ancora oggi gli scienziati non sono riusciti ad individuare cause precise e nemmeno una cura risolutiva. Gli esperti ritengono che la malattia sia legata a numerosi fattori di rischio. Avrebbe un esordio difficile da prevedere e da prevenire.

Tuttavia questo studio recente suggerisce come modificare l’alimentazione possa essere importante anche in senso preventivo. La sclerosi multipla avrebbe la sua origine in un intreccio tra fattori genetici e ambientali. Alcuni pazienti sviluppano soltanto alcuni sintomi mentre altri possono avere episodi ricorrenti, nel corso dei quali la sintomatologia aumenta.

Le conseguenze dirette coinvolgono il sistema nervoso e si può incorrere in formicolio, affaticamento, perdita della vista e tremori. La ricerca scientifica condotta negli Stati Uniti suggerisce che l’alimentazione e in particolare l’introduzione del pesce grasso nella dieta quotidiana possano avere un ruolo importante nella prevenzione della sclerosi multipla.

Sarebbero soprattutto gli omega 3 contenuti nel pesce grasso ad avere un effetto benefico. I ricercatori hanno coinvolto più di 1000 persone affette da sclerosi multipla. Hanno svolto un’indagine su quali tipi di pesce i pazienti avessero mangiato, sulla frequenza del consumo e sulla possibilità che avessero usato degli integratori di olio di pesce.

I risultati sono stati molto incoraggianti perché coloro che avevano mangiato frutti di mare, salmone, sardine e tonno albacore avevano ridotto del 45% il rischio di sviluppare la patologia. Tutto starebbe nella capacità dell’organismo di elaborare e regolare i livelli di acidi grassi. Gli scienziati ipotizzano che si potrebbe trarre beneficio contro la sclerosi multipla grazie agli effetti antinfiammatori resi dalle sostanze contenute nel pesce grasso.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social