• GreenStyle
  • Pets
  • Paul McCartney contro i mercati cinesi di animali vivi

Paul McCartney contro i mercati cinesi di animali vivi

Paul McCartney contro i mercati cinesi di animali vivi

Fonte immagine: Raph_PH via Wikimedia

Paul McCartney si oppone alla riapertura dei mercati di animali vivi in Cina, i cosiddetti wet market ritenuti responsabili del coronavirus.

Paul McCartney si oppone alla riapertura dei mercati cinesi di animali vivi, definendo la pratica “medievale”. Da sempre sostenitore dei diritti degli animali, l’ex Beatle ha voluto esprimere la sua opinione sui wet market, diventati tristemente noti perché origine più probabile del nuovo coronavirus. Secondo il musicista è necessario un completo ripensamento del rapporto tra uomo e natura, per evitare che altri drammi simili si ripetano.

Le dichiarazioni di McCartney sono state rilasciate nel corso di un’intervista con Howard Stern, in diretta radiofonica. L’artista ha voluto esprimere il proprio disappunto in modo molto diretto, sottolineando la crudeltà e la mancanza di igiene che caratterizzano i mercati di animali vivi in Cina.

Sembra che la SARS, l’influenza aviaria e tutti gli altri problemi che ci affliggono provengano dai wet market. E per cosa? Per queste pratiche abbastanza medioevali. […] Se questo non porterà a un cambiamento, non so cosa potrà farlo. […] Capisco quando si dice: “Le persone lo fanno da sempre, questa è la nostra traduzione”. Ma anche la schiavitù è stata perpetrata da sempre. A un certo punto devi cambiare le cose.

Paul McCartney, il quale sta trascorrendo un periodo di auto-quarantena con la figlia Mary, ha aggiunto:

Abbiamo subito varie crisi in passato, ma nulla che potesse affliggere contemporaneamente le persone in tutto il mondo. Lo devo dire, è spaventoso.

Il musicista, il quale ha espresso il proprio dispiacere per la cancellazione del festival di Glastonbury dove avrebbe dovuto partecipare come headliner, ha espresso anche il desiderio che la crisi in corso possa evidenziare la necessità di una maggiore umanità, per un futuro diverso e più solidale sia fra gli uomini che nei confronti della natura.

Fonte: Guardian

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

CrossFit: esercizi da fare in casa (lezione 1)