Pasta a cena: aiuta a dormire e non fa ingrassare

Pasta a cena: aiuta a dormire e non fa ingrassare

Mangiare pasta a cena aiuta a dormire meglio e non fa ingrassare, a sostenerlo uno studio statunitense.

Mangiare la pasta a cena potrebbe rivelarsi efficace per conciliare il sonno senza innescare un aumento di peso. In base a quanto affermato dai ricercatori del Brigham and Women Hospital di Boston verrebbero quindi smentite le teorie secondo cui il piatto principe della cucina italiana porterebbe, se consumato la sera, a dormire male e soprattutto a ingrassare. Lo studio statunitense è stato pubblicato sulla rivista “The Lancet Public Health“.

La presentazione dei risultati dello studio è stata annunciata per il 15 marzo, in occasione della Giornata Mondiale del Sonno, dalla Unione Italiana Food (ex Aidepi). L’evento è in programma a Napoli ed è stato introdotto dal parere tecnico del nutrizionista e gastroenterologo Luca Piretta, tra i membri del consiglio direttivo della Società italiana di Scienze dell’alimentazione:

La pasta è un’ottima alleata anche di sera quando dobbiamo apportare al nostro organismo solo il 30% delle calorie della giornata, soprattutto se siamo stressati, se soffriamo d’insonnia o se lamentiamo disturbi da sindrome premestruale. Il consumo di dosi adeguate di pasta favorisce il consumo di insulina che, a sua volta, facilita l’assorbimento di triptofano, l’amminoacido precursore della serotonina e della melatonina, che regolano umore e ritmo del sonno.

Un sonno lungo e ristoratore è inversamente correlato all’aumento di peso, riducendo gli ormoni responsabili della fame. Inoltre le vitamine del gruppo B, presenti in quantità maggiore nella pasta integrale, implicano il rilassamento muscolare; soprattutto la B1, fondamentale per il sistema nervoso centrale, stimola la produzione di serotonina.

I consumo di pasta a cena deve però essere soggetto a precise indicazioni per rientrare nelle buone abitudini del mangiare sano. A cominciare dalle porzioni, che non devono superare gli 80 grammi, passando poi per la cottura al dente, così che l’alimento possa risultare più “resistente alla masticazione e quindi più digeribile”. Meglio infine ricorrere a condimenti leggeri e alla pasta integrale.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Scrub mani e corpo fai da te