Pasqua 2017: cioccolato, come scegliere quello giusto

Pasqua 2017: cioccolato, come scegliere quello giusto

Fonte immagine: Pixabay

Mangiare cioccolato a Pasqua si può, anche se siete a dieta: basta saperlo scegliere, consumarne una giusta quantità e seguire alcuni consigli.

Che siate grandi o piccini, il cioccolato a Pasqua è una tradizione a cui difficilmente si rinuncia. Mangiare un uovo di Pasqua e concedersi un po’ di dolcezza però, per fortuna, non è una insidia alla salute o alla linea, anzi. A darci questa bella notizia sono gli studiosi del provider ECM 2506 Sanità in-Formazione con la dottoressa Serena Missori che ci forniscono anche una serie di consigli per una Pasqua all’insegna della salute.

Mangiare cioccolato dunque si può, ma bisogna sceglierlo con cura. Se il cioccolato, in generale, fa bene all’umore perchè è un’ottima fonte di serotonina e anche un antiossidante, è meglio scegliere la varietà fondente (dal 70% in poi) con pochi zuccheri aggiunti. Ancora meglio se scegliete un cioccolato aromatizzato al peperoncino, alla cannella o all’arancia.

Inoltre ci sono dei momenti in cui è meglio consumare cioccolato: al mattino e al pomeriggio ci può dare un pizzico di energia in più e un umore allegro, indispensabile per affrontare al meglio la giornata. Ovviamente però non bisogna esagerare con le quantità: il top è mangiarne tra i 30 e i 70 grammi, a seconda del proprio metabolismo e dal tipo di attività fisica che svogliamo durante la giornata.

Sempre secondo i consigli dei ricercatori poi è bene mangiare cioccolata senza associare al consumo di questo alimento quello di altri cibi ricchi di grassi: a Pasqua quindi via libera al cioccolato, ma cercate di mangiare meno formaggio, burro o fritti.

Se proprio non ce la fate e a Pasqua vi siete lasciati un po’ andare cercate di ridurre lentamente, giorno dopo giorno, il consumo di cioccolato e accostare anche un po’ di attività fisica: bastano 10 minuti al giorno per risvegliare il metabolismo.

Per quanto riguarda i bambini la loro Pasqua 2017 sana non è poco golosa, anzi. Basta scegliere magari degli ovetti piccoli di cioccolato fondente, oppure fare dei cioccolatini “home-made” sarete così certi del contenuto di ciò che i vostri figli stanno mangiando.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Sostenibilità in agricoltura: intervista a Carlo Alberto Pratesi