Pannolini per neonati: trovate sostanze tossiche

Pannolini per neonati: trovate sostanze tossiche

Fonte immagine: iStock

L'Agenzia nazionale di sicurezza sanitaria francese ha riscontrato sostanze tossiche nei pannolini usa e getta, chiesta maggiore trasparenza ai produttori.

I pannolini usa e getta utilizzati per neonati e bambini contengono al loro interno sostanze tossiche, la conferma arriva da parte dell’Agenzia nazionale di sicurezza sanitaria francese (Anses).

Per L’Anses, troppe sostanze che toccano la pelle dei neonati superano i limiti di sicurezza sanitaria. Tra quelle coinvolte, alcune non sono aggiunte dai produttori in modo intenzionale che potrebbero venire da materie prime contaminate: parliamo di diossine, furani, degli IPA (idrocarburi policiclici aromatici), e alcuni tipi di PCB (policlorobifenili). Altre, invece, vengono utilizzate per rendere più profumato il pannolino e potrebbero essere facilmente evitate, come per esempio le sostanze Lilial e Lyral.

Inoltre, nei pannolini sono state trovate anche tracce di glifosato, sostanza che deriva dal roundup (l’erbicida più utilizzato al mondo), ma l’Anses in questo caso ne esclude i rischi che derivano dal contatto.

L’Agenzia francese ha indagato sulla faccenda a seguito dell’allerta lanciata da “60 millions de consummateurs”, associazione transalpina che si batte per la tutela dei consumatori, che a fine gennaio del 2017 aveva effettuato i primi test sul prodotto, riscontrando in molti casi la presenza di residui tossici.

Adesso l’Anses chiede controlli più rigidi da parte delle autorità competenti e finalmente si è mosso anche il Governo francese: ha chiesto un confronto con i produttori che devono istituire standard di sicurezza più elevati, garantendo la trasparenza dell’intera filiera produttiva.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Beach Litter 2019: intervista a Stefano Ciafani – Legambiente