Pannelli solari senza bisogno di sole: i nuovi prototipi

Pannelli solari senza bisogno di sole: i nuovi prototipi

Pannelli solari che funzionano anche di notte: sono il risultato dello studio di un professore americano che ne ha fatto un prototipo.

L’idea viene dall’America: un professore statunitense ha elaborato il prototipo di  di cella fotovoltaica che potrebbe generare fino a 50 watt di potenza per metro quadrato anche nelle ore notturne. Un pannello solare che funziona senza sole: il progetto è rivoluzionario ma come è stato possibile realizzarlo? 

Pannelli Solari senza sole: come funzionano

Come funzionano i pannelli solari che lavorano di notte?

Jeremy Munday è il nome del professore del Dipartimento di Ingegneria Elettrica e Informatica all’Università della California, che ha messo a punto un sistema basato sulla proprietà dei corpi fisici di irradiare calore nell’ambiente circostante, quando sono più freddi. Come se fosse un pannello solare ma al contrario.Un oggetto caldo rispetto all’ambiente circostante irradierà calore come luce infrarossa (una cella solare convenzionale è fredda rispetto al sole, quindi assorbe la luce). Lo spazio è molto freddo, quindi se si ha un oggetto caldo e lo si punta verso il cielo, irradierà calore verso di esso (un fenomeno utilizzato per il raffreddamento notturno da centinaia di anni).

Una normale cella solare genera energia assorbendo la luce solare, causando la comparsa di una tensione sul dispositivo e il flusso di corrente. In questi nuovi dispositivi, invece, viene emessa luce e la corrente e la tensione vanno nella direzione opposta, ma si genera ancora energia. Devi usare materiali diversi, ma la fisica è la stessa

L’aspetto più interessante, però è con qualche modifica potrebbero funzionare anche duranteil giorno creando un sistema potenzialmente attivo 24 ore su 24 bilanciando correttamente la rete elettrica durante il ciclo. A questo punto resta solo una domanda: quando verrà brevettato in Italia?

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Sunny Days Roma 2016: intervista a Massimo Bracchi – SMA Italia