Orzaiolo interno ed esterno: rimedi veloci e differenze

Orzaiolo interno ed esterno: rimedi veloci e differenze

Fonte immagine: Pixabay

L’orzaiolo è un disturbo degli occhi comune che può creare disagio e dolore: come alleviare il fastidio con semplici rimedi naturali.

Tra i vari disturbi che possono colpire gli occhi, l’orzaiolo è certamente uno dei più comuni. Non si tratta di una patologia grave e solitamente non si manifesta in modo bilaterale, creando disagio senza tuttavia compromettere la vista. L’orzaiolo, precisamente, è un piccolo nodulo che cresce sulla palpebra sia internamente sia esternamente, provocando dolore e fastidio. Tra i sintomi compaiono anche gonfiore e lacrimazione eccessiva, oltre alla comparsa di un rigonfiamento spesso visibile all’esterno dell’occhio. Può presentarsi anche un evidente arrossamento.

Orzaiolo esterno e interno: differenze

Come accennato, possono versificarsi due tipologie di orzaiolo rispettivamente esterno o interno. Nel primo caso, la palpebra presenta un rigonfiamento sul bordo che può riempirsi di pus, mentre nel secondo caso il gonfiore riguarda l’interno della palpebra. L’orzaiolo interno è molto più doloroso di quello esterno, tuttavia le differenze principali riguardano le cause che si celano dietro queste manifestazioni generalmente dovute all’azione incontrollata di batteri stafilococchi:

  • l’orzaiolo esterno è causato dall’infezione che può riguardare un follicolo ciliare, la ghiandola sebacea di Zeis o la ghiandola sudoripara di Moll;
  • l’orzaiolo interno, invece, è generato dall’infezione di una delle ghiandole di Meibomio che sono localizzate sulle palpebre e svolgono una funzione lubrificante.

In entrambi i casi, inoltre, è possibile che l’orzaiolo sia dovuto alla presenza di blefarite, un’infiammazione che coinvolge le rime delle palpebre provocando gonfiore, rossore e prurito. Solitamente, a essere maggiormente esposti al rischio di orzaiolo sono coloro che non rispettano alcune regole igieniche fondamentali:

  • evitare di toccarsi gli occhi con le mani sporche;
  • inserire lenti a contatto senza averle pulite in modo adeguato;
  • non struccarsi gli occhi prima di dormire.

Terapie

Quando si nota la presenza di un orzaiolo o nel momento in cui si avverte gonfiore e dolore, accompagnato da fastidio e lacrimazione, è sempre preferibile rivolgersi all’oculista di fiducia per avere una conferma della diagnosi e per impostare una terapia adeguata. Sebbene l’orzaiolo scompaia rapidamente in pochi giorni senza creare complicazioni, infatti, può essere necessario intervenire per favorire la fuoriuscita del pus o per rimuovere il ciglio che si trova in prossimità del nodulo, il cui follicolo ciliare potrebbe essere la causa del disturbo.

Rimedi efficaci

Camomilla

Per favorire la guarigione dell’orzaiolo e per trovare un rapido sollievo dal fastidio, inoltre, è possibile utilizzare uno tra i seguenti rimedi veloci e fai da te:

  • impacco caldo, effettuato con una garza imbevuta di acqua calda da tenere sopra l’occhio chiuso per alcuni minuti, in modo tale da favorire la fuoriuscita del pus. L’operazione può essere ripetuta alcune volte al giorno;
  • impacchi a base di camomilla da effettuare utilizzando i classici filtri imbevuti e tiepidi, da posare sull’occhio per circa un quarto d’ora più volte in un giorno;
  • Aloe Vera in gel da applicare sulla palpebra, beneficiando del suo effetto antinfiammatorio;
  • impacchi di tè verde, da usare applicando i filtri imbevuti evitando di strofinare e lasciando in posa alcuni minuti;
  • eufrasia, da usare anche sotto forma di collirio con elevate potenzialità sfiammanti;
  • impacco a base di fiori o foglie di malva;
  • foglie di menta fresca, da posare lavate sulle palpebre per alcuni minuti;
  • impacchi con olio extravergine d’oliva, usando del cotone o delle garze;
  • patata grattugiata da applicare sulla palpebra, sfruttando le sue qualità astringenti;
  • curcuma in polvere, da usare diluita in acqua e portata a ebollizione avendo cura di filtrare il liquido utilizzando un panno sottile. È possibile applicare alcune gocce direttamente sull’orzaiolo un paio di volte al giorno cercando di tenere gli occhi chiusi.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

5 usi del bicarbonato