Ortona, canile lager: animali tra escrementi e sporcizia

Ortona, canile lager: animali tra escrementi e sporcizia

Fonte immagine: Istock

In un casolare, in condizioni malsane, scoperto un allevamento lager: disposto il sequestro per 23 animali e la denuncia per una donna.

Vivevano nella sporcizia e nel disagio: 23 esemplari sono stati sequestrati dalla polizia a Ortona, dopo la perquisizione di un canile. I Carabinieri Forestale di Lanciano e del Nucleo Carabinieri Cites di Pescara, coadiuvati dai veterinari della Asl, hanno denunciato una donna. E’ stata fermata nel corso di controlli a Ortona sul benessere degli animali. L’allevamento lager si trovava in un casolare e lì in condizioni malsane, erano costretti a vivere un gruppo di jack russell e pitbull. Gli animali erano in pessimo stato igienico sanitario, costretti a vivere rinchiusi al buio e tra gli escrementi e la sporcizia.

I cuccioli erano venduti online a prezzi stracciati ma spesso in pessime condizioni di salute. Nell’ambito della stessa campagna di accertamenti, ad aprile e giugno, sono state elevate sanzioni amministrative per complessivi 2.000 euro: le contestazioni riguardano omessa iscrizione di cani all’Anagrafe Canina regionale, mancata denuncia di smarrimento di cani di proprietà e abitudine di tenere i cani legati a catena, pur essendo tale pratica espressamente vietata.

Il coordinatore regionale abruzzese Guido Mammarella, dopo aver ricevuto la notizia del canile di Ortona, ha spiegato:

Il traffico illegale di cani è inconsapevolmente alimentato da persone che desiderano comprare cuccioli di razza al miglior prezzo: così, tanti animali vengono allevati illegalmente in condizioni malsane e pericolose per la loro salute e la loro vita. È anche per questo che vi invitiamo all’adozione e non all’acquisto, perché contribuirete a fermare una pratica molto spesso illecita e pericolosa

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle