L’orso M49 è fuggito dopo la cattura

L’orso M49 è fuggito dopo la cattura

Fonte immagine: Pexels

L'orso M49, catturato pochi giorni fa a Trento, è riuscito a fuggire dal suo recinto: scatta la polemica sul suo possibile abbattimento.

L’orso M49, catturato come conseguenza di un’ordinanza emessa dalla Provincia di Trento, è riuscito a fuggire dal suo recinto. È quanto rende noto l’agenzia di stampa ANSA, nel sottolineare come il plantigrado abbia superato il muro elettrificato del Centro Casteller dove si trovava in custodia, nella notte fra domenica e lunedì.

L’orso M49 era stato catturato, così come accennato, dopo l’emissione di un’ordinanza della Provincia di Trento, che ne aveva riconosciuto la pericolosità. L’animale era stato quindi inserito all’interno di un recinto con pareti elettrificate, fino a 7.000 volt, che tuttavia il plantigrado pare sia riuscito a scavalcare senza troppa difficoltà. Così ha spiegato Maurizio Fugatti, il governatore del Trentino, come riporta sempre l’agenzia ANSA:

Se M49 si avvicinerà alle zone abitate, i forestali hanno l’autorizzazione ad abbatterlo. Il fatto che l’orso sia riuscito a scavalcare una recinzione elettrificata con sette fili a 7.000 volt, certificata dal ministero e da Ispra, dimostra il fatto come queste esemplare fosse pericoloso e ci fosse un problema di sicurezza pubblica tale da giustificare l’ordinanza di cattura, scelta non appoggiata dal Ministero.

Nelle ultime ore si è proprio discusso della possibilità dell’abbattimento dell’orso, in caso venisse trovato, un’eventualità che ha però visto opposto il Ministro dell’Ambiente Sergio Costa. Lo scorso 4 luglio, ad esempio, il Ministro aveva scelto la piattaforma Facebook per opporsi all’ordinanza di cattura, mentre nella giornata di ieri ha espresso la propria diffida per evitare la soppressione dell’esemplare.

Nessuna istruttoria fin qui elaborata dagli uffici, in collaborazione con Ispra, ha mai valutato il tema dell’uccisione dell’esemplare. Il fatto che sia scappato dall’area attrezzata per ospitarlo non può giustificare un intervento che ne provochi la morte. Il presidente Fugatti moduli legittimamente il suo intervento. Le inefficienze mostrate nella cattura, che non mi vedono e mai mi hanno visto concorde, reclamano professionalità e attenzione massima. Cosa che invece fin qui non è stata mostrata. E adesso si parla di abbattimento? Assurdo e paradossale.

Al momento non è nota la posizione del plantigrado, né la direzione presa dopo la fuga. In ogni caso, gli esperti ritengono non possa essere troppo lontano dal centro da cui è fuggito, poiché questi esemplari – vista anche la stazza – non si spostano a velocità più elevate rispetto a quelle dell’uomo. M49, di tre anni d’età e nato all’interno del progetto di ripopolamento Life Ursus, è un orso molto attivo e vivace: da tempo è al centro delle polemiche per alcuni danneggiamenti al patrimonio zootecnico del Trentino, nonché per tentativi di intrusione in aree pubbliche o private.

Sempre ANSA riporta il parere di Luigi Boitani, docente di Zoologia dell’Università La Sapienza di Roma, il quale ritiene che il ripopolamento in Trentino sia stato eseguito in modo corretto. La fuga dal recinto non dimostrerebbe l’aggressività di M49, bensì la sua natura di esemplare nato libero:

Un maschio di orso grosso, maturo e vivace, che è sempre vissuto in libertà, se viene messo in un recinto, il minimo che può fare è scappare. Il recinto elettrificato dà la scossa all’animale, ma è solo una scossa per allontanarlo. Se l’animale vuole davvero scappare, non viene fermato dall’elettricità. L’errore umano può essere stato non aver fatto una dissuasione corretta nei confronti dell’animale.

Ancora, in merito alla possibile pericolosità dell’animale, l’esperto sottolinea come saltuariamente vi siano degli episodi d’aggressione da parte degli orsi, tuttavia quasi sempre dovuti a comportamenti imprudenti delle persone. Così specifica l’agenzia:

Mi fanno molta più paura i rotweiler. Ogni anno diverse persone vengono uccise dai cani. Eppure nessuno dice che bisogna eliminarli. Se orsi e lupi creano qualche problema, subito si chiede di abbatterli.

Fonte: ANSA

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

L’amicizia tra un uomo e un orso polare