Ornitorinco: dove vive, cosa mangia, curiosità

Ornitorinco: dove vive, cosa mangia, curiosità

Fonte immagine: JohnCarnemolla via iStock

L'ornitorinco è un mammifero dall'aspetto unico e singolare, poiché dotato di becco e capace di deporre uova: dove vive, cosa mangia e curiosità.

Dall’aspetto davvero singolare, l’ornitorinco è un mammifero che predilige l’acqua e le aree tranquille, dove può vivere in serenità deponendo le uova. Incredibile ma vero, l’ornitorinco rientra in una delle cinque specie ancora in vita che compongono l’ordine dei monotremi, ovvero quei mammiferi che non partoriscono ma depongono le uova come gli uccelli. Noto anche come platipo, è l’unico rappresentate della sua famiglia: il nome significa “muso di uccello” ed è proprio ciò che lo rappresenta di più.

Caratteristiche

Mix perfetto tra un’anatra, un castoro e una lontra, l’ornitorinco è un animale dall’aspetto davvero curioso che ancora oggi stupisce studiosi e scienziati. Sembra uno scherzo della natura per quel suo aspetto così anomalo, eppure quella di questo animale è una combinazione perfetta. Possiede un muso largo e lungo con becco e zampe palmate come un’anatra, una coda piatta come il castoro, unita a un corpo ricoperto di pelliccia marrone che ricorda quello di una lontra.

Fisicamente può arrivare a misurare anche quaranta centimetri con un massimo di quindici centimetri di coda, inoltre possiede una serie di ossa aggiuntive nell’area scapolare. I cuccioli nascono con pochi molari che perdono in età adulta, mentre il movimento ricorda quello strisciante del serpente. I maschi hanno in dotazione speroni cavi posizionati sulle zampe posteriori, utilizzati per inoculare il veleno durante i combattimenti con i predatori: un sostanza tossica per gli altri animali, cani compresi, ma non per l’uomo. Il becco svolge un ruolo fondamentale durante la caccia, perché è in grado di rilevare l’elettricità sprigionata dal movimento delle prede.

Habitat

Ornitorinco

Vive prevalentemente di notte e predilige aree con corsi d’acqua, dove può immergersi per procacciarsi il cibo: il suo habitat prediletto è l’Australia dove è piuttosto diffuso, ma non facile da incontrare. Non ha una zona di preferenza perché possiede uno spiccato senso dell’adattamento, per questo può vivere nelle aree gelide montane quanto nelle zone della foresta pluviale e tropicale. La sua presenza è circoscritta lungo la costa orientale, dove soggiorna anche sulla terraferma creando tane e buche, dove ripararsi da sguardi indiscreti.

Alimentazione

Animale carnivoro, caccia mentre nuota sott’acqua perlustrando il fondale con l’aiuto del becco, attraverso il quale aspira insetti, larve, crostacei, vermi e piccoli mammiferi, insieme a sassolini di ghiaia e fango. Il cibo viene immagazzinato nelle sacche guanciali dove, in assenza dei denti, mastica e macina il tutto con il supporto dei sassolini. Può immergersi in acqua anche per due minuti grazie ad alcuni accorgimenti fisici, come alcune pieghe cutanee che ricoprono occhi e orecchie così da non permettere l’ingresso dell’acqua e una chiusura ermetica delle narici.

Curiosità

Le zampe palmate vengono aiutate da una serie di unghie, necessarie per muoversi sulla terra, utili anche per scavare tante corte disposte lungo gli argini e sulla riva. Durante la fase riproduttiva, la femmina scava tane lunghe 20 metri con una serie di aree chiuse, qui vi depone le uova, che scalda con il corpo e la coda. Dopo dieci giorni queste si schiuderanno dando vita a minuscoli cuccioli completamente dipendenti dalla madre, che li allatterà attraverso i pori della pelle; rimarranno con lei per circa quattro mesi, fino all’autonomia.

Animali discreti e riservati, preferiscono evitare luoghi affollati per rintanarsi in aree tranquille e prive della presenza umana. Dal 1971 l’ornitorinco è l’emblema dello Stato australiano del Nuovo Galles del Sud: secondo una leggenda degli aborigeni australiani, l’ornitorinco – noto come “boonaburra” – sarebbe il frutto di un rapimento a opera di un topo che abusò di un’anatra solitaria. Dall’incontro forzato nacquero due cuccioli con zampe palmate, pelliccia e becco.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Il pappagallo che abbaia!