• GreenStyle
  • Pets
  • Orche colpiscono barche: allarme in Spagna e Portogallo

Orche colpiscono barche: allarme in Spagna e Portogallo

Orche colpiscono barche: allarme in Spagna e Portogallo

Fonte immagine: Pexels

Sempre più orche aggrediscono imbarcazioni in Spagna e in Portogallo: gli esperti sorpresi da un simile comportamento, assai insolito per questi animali.

Sempre più orche aggrediscono imbarcazioni, un fenomeno assai inconsueto per questa specie di cetacei. È quanto sta accadendo in Spagna e in Portogallo dove, da un paio di mesi, le segnalazioni si sono rapidamente moltiplicate. Una situazione che non trova al momento una specifica spiegazione scientifica, con gli esperti stupiti dall’insolito comportamento di questi animali.

Stando alle testimonianze locali, le orche attaccherebbero le barche in mare, colpendone ripetutamente. Nella maggior parte dei casi, questi mammiferi marini avrebbero causato solamente danni alle imbarcazioni. Tuttavia, almeno in un’occasione un membro dell’equipaggio sarebbe stato preso di mira, riportando gravi ferite.

Orche: comportamento insolito

Così come riporta Repubblica, l’ultimo attacco risale alla scorsa settimana, quando una barca a largo di La Coruña sarebbe stata presa d’assalto da alcune orche particolarmente aggressive. Una di queste avrebbe colpito l’imbarcazione una quindicina di volte, tanto da comportare il distacco del timone.

Lo scorso 29 luglio, invece, a Capo Trafalgar una barca a vela è stata accerchiata da un gruppo di orche, pronte a speronare il natante per più di un’ora, per poi sparire nelle acque dell’oceano. Secondo quanto riferito dall’equipaggio, i cetacei sarebbero apparsi molto nervosi, tanto da comunicare fra di loro con forti fischi.

I ricercatori, così come già accennato, non hanno al momento ben chiare le ragioni alla base di questi attacchi. Sebbene le orche siano abituate a inseguire le imbarcazioni, in particolare nello Stretto di Gibilterra, non era mai capitato che assalissero le navi. È molto probabile che si tratti di un gruppo di giovani esemplari, quindi maggiormente inclini all’attacco, data la ridotta esperienza. Alcuni esperti ipotizzano eventuali difficoltà nella pesca, in particolare del tonno. Di conseguenza, eventuali presenze estranee in mare potrebbero essere percepite dagli animali come una minaccia, come l’arrivo di un rivale pronto a sottrarre loro le scarse risorse di cibo.

Fonte: Repubblica

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Gli ululati dei lupi risuonano tra le strade del paese