Olio di Palma, OMS: lobby uguale a quella del tabacco

Olio di Palma, OMS: lobby uguale a quella del tabacco

Fonte immagine: Pixabay

L’Organizzazione Mondiale della Sanità contro l'industria dell’olio di palma accusata di attività lobbistica e di influenzare la discussione pubblica.

Un sistema di lobby simile a quello utilizzato dall’industria del tabacco. Questa è l’accusa fatta dall’OMS – Organizzazione Mondiale della Sanità contro i produttori di olio di palma accusati in influenzare l’opinione pubblica e la ricerca scientifica a favore del loro prodotto.

L’agenzia speciale dell’ONU accusa il comparto di avere un impatto tangibile sull’ambiente e sulla salute umana. Gli scienziati in un articolo sul tema scrivono:

La relazione tra l’olio di palma e le industrie alimentari da una parte e le tattiche che impiegano, dall’altra ricorda le pratiche adottate dalle industrie del tabacco e dell’alcol. Tuttavia, il settore dell’olio di palma riceve un controllo relativamente marginale.

Le coltivazioni di olio di palma si concentrano sopratutto Malesia e Indonesia coprendo un’area della dimensione della Nuova Zelanda. Il rapporto inoltre suggerisce che la produzione e il consumo di olio di palma potrebbero influire sulla salute pubblica delle popolazioni più povere, con un rapido aumento delle malattie non trasmissibili come le patologie cardiache e con l’inquinamento dell’acqua e del suolo.

La coltivazione intensiva della pianta, anche in altre zone del pianeta come l’Africa, mette a serio rischio la sopravvivenza di alcuni animali come l’orangotango, una delle specie più a rischio in alcune regioni del Sud Est Asiatico. Nonostante molti rapporti parlino delle conseguenze dell’olio di palma sull’ambiente, l’opinione pubblica non viene informata adeguatamente come accade per altri temi.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Uber JUMP: come noleggiare le biciclette elettriche