Oli minerali nel Nesquik: test tedesco rivela pericoli per i bambini

Oli minerali nel Nesquik: test tedesco rivela pericoli per i bambini

Fonte immagine: Pixabay

La polvere di cacao Nesquik è al centro delle polemiche dopo un test tedesco che ha dimostrato la presenza di oli minerali potenzialmente pericolosi.

Le analisi tedesche di Okotest rilevano la presenza di oli minerali all’interno del Nesquik, l’iconico preparato al cacao per la colazione dei più giovani. Il tester boccia il prodotto senza scusanti dopo aver rilevato all’interno Mosh e Posh in quantità elevata.

Ma come entra l’olio minerale nel cioccolato? Anche nell’industria alimentare, gli oli minerali sono usati come lubrificanti per le macchine ma anche negli imballaggi: è probabile che la contaminazione avvenga sia durante la produzione che nell’imballaggio del prodotto. Durante lo stoccaggio le sostanze rimangono a contatto ed è così possibile che parti dell’imballaggio stesso vadano a contaminare il cioccolato.

Il dato più preoccupante dei test è la presenta di Mosh in un prodotto destinato a un pubblico molto giovane, con il tempo questi si potrebbero depositate nei tessuti e nei grassi dell’organismo andando a rappresentare un potenziale pericolo. La Nestlé, produttrice del preparato al cacao, risponde criticando i metodi utilizzati per le analisi del prodotto e sottolineando che vengono rispettati tutti i parametri previsti dalla legge tedesca.

Al momento non c’è una linea comune riguardo la tossicità di questi elementi, gli studi non hanno dimostrato una correlazione diretta fra oli minerali e rischi per la salute. Tuttavia è chiaro che gli olii minerali idrocarburici aromatici (MOAH) vengono usualmente considerati più critici rispetto agli olii minerali idrocarburici saturi (MOSH).

L’Unione Europea, attraverso la struttura EFSA, ha emanato la Raccomandazione 2017/84 che invita i Paesi membri al monitoraggio degli idrocarburi di oli minerali nei prodotti alimentari e nei materiali e negli oggetti destinati a venire a contatto con prodotti alimentari.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Seeds&Chips: intervista a Simone Caporale – Ponics