• GreenStyle
  • Consumi
  • Obama: una tassa per i petrolieri per evitare una nuova marea nera

Obama: una tassa per i petrolieri per evitare una nuova marea nera

Obama: una tassa per i petrolieri per evitare una nuova marea nera

L’amministrazione Obama si sta giocando sicuramente molta della sua credibilità nella gestione del disastro petrolifero nel Golfo del Messico. Non deludendo le aspettative, il Presidente non ha lesinato parole dure contro la Bp, promettendole un conto salato a fine emergenza. A poche settimane dall’inizio del disastro, Barack Obama torna all’attacco proponendo di alzare di 1 […]

L’amministrazione Obama si sta giocando sicuramente molta della sua credibilità nella gestione del disastro petrolifero nel Golfo del Messico. Non deludendo le aspettative, il Presidente non ha lesinato parole dure contro la Bp, promettendole un conto salato a fine emergenza.

A poche settimane dall’inizio del disastro, Barack Obama torna all’attacco proponendo di alzare di 1 cents a barile, le tasse per il fondo di sicurezza. In questo modo si passerebbe dagli attuali 8 cents ai 9, con la prospettiva di salire a 10 nel 2017.

Gli introiti ricavati da questo aumento, stimati in almeno 118 milioni di dollari l’anno, verrebbero tutti devoluti ad un fondo pensato proprio per limitare i danni della “marea nera“. Non basta, il piano della Casa Bianca prevede un aumento del tetto per gli indennizzi a 1,5 milioni dollari.

Insomma, Obama sta lavorando duramente per ridurre al minimo i danni di questa immane tragedia. Resta il dubbio, che ricade ovviamente sulle spalle delle precedenti amministrazioni, che se lo stesso impegno fosse stato utilizzato per impedire l’eventualità di questi incidenti, forse tutto ciò si sarebbe potuto evitare.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Stura lavandini “magico” fai da te