Notre Dame: eco-serra didattica per il restauro della cattedrale

Notre Dame: eco-serra didattica per il restauro della cattedrale

Un progetto green di alcuni architetti francesi per la ricostruzione di Notre Dame a Parigi: nel sottotetto una serra didattica e alveari nella guglia.

Una serra didattica in vetro e acciaio per il nuovo tetto di Notre Dame. Alcuni architetti francesi dello Studio NAB hanno presentato sul sito DesignBoom un progetto di ricostruzione “Green” per la sommità della cattedrale parigina, fortemente danneggiata dal rogo che lo scorso 15 aprile ha distrutto buona parte della copertura e causato il crollo della guglia ottocentesca progettata dall’architetto Eugene Violette-le-Duc.

Il progetto si intitola “Notre Dame de Paris in green for all of us” e propone di trasformare il sottotetto della cattedrale in un’esperienza didattica e formativa, non soltanto per i visitatori. Secondo quanto affermato dagli architetti dello Studio NAB la serra potrebbe essere destinata alla formazione dei meno abbienti, che acquisirebbero così competenze di agricoltura urbana e orticoltura. Spazio anche a laboratori destinati ai più piccoli.

Il tetto di Notre Dame verrebbe ricostruito in vetro e acciaio dorato, mentre per i terrapieni della serra si punterebbe a recuperare il legno e gli altri materiali recuperati dal crollo della struttura precedente. In questo modo la cattedrale parigina potrebbe diventare un simbolo Green di rinnovamento, ma allo stesso tempo capace di recuperare alcuni elementi della sua tradizione.

Notre Dame, serra green
Fonte: DesignBoom

Per quanto riguarda invece la guglia, anch’essa crollata il 15 aprile 2019 insieme a circa due terzi del tetto, in base a quanto contenuto nel progetto “Notre Dame de Paris in green for all of us” verrebbe ricostruita in vetro e acciaio dorato come il resto della struttura. Con una differenza: al suo interno verrebbero ospitate delle arnie per ospitare le api, per un totale di alcune decine di alveari.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Seeds&Chips: intervista a Renzo Pedretti – Corteva Agriscience