Notre Dame: api sopravvissute all’incendio della cattedrale

Notre Dame: api sopravvissute all’incendio della cattedrale

Fonte immagine: Beeopic

Salve le api di Notre Dame, le cui arnie sono state soltanto lambite dall'incendio del 15 aprile che ha distrutto la guglia e buona parte del tetto.

Nella tragedia di Notre Dame un piccolo miracolo ha visto insolite protagoniste le api. Nonostante il rogo che si è sprigionato il 15 aprile e che ha causato il crollo della guglia e di buona parte del tetto della cattedrale gli insetti impollinatori sono usciti indenni dal pericolo, regalando nuova speranza a chi spera di vedere la costruzione tornare presto all’antico splendore.

La salvezza delle api di Notre Dame rappresenta anche un buon segno per quanto riguarda la biodiversità della zona, soprattutto in considerazione del fatto che gli impollinatori hanno deciso di non abbandonare la cattedrale. A confermarlo alcune immagini diffuse dell’associazione beeopic, che si occupa di apicoltura nella capitale di Francia:

Nell’immagine si possono notare le arnie ancora intatte nonostante fossero state lambite dalle fiamme, mentre non si ha ancora notizia riguardo il numero di esemplari eventualmente morti durante l’incendio. Nella foto in alto le api sono radunate intorno a una gargouille, in italiano indicata come gargolla (nota anche con l’espressione inglese gargoyle), le celebri statue disposte lungo le pareti e le colonne di Notre Dame. Gli insetti impollinatori popolano la cattedrale già dal 2013, dono dell’apicoltore parigino Nicolas Géant alla curia.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Emergenza Climatica Roma: consegna della petizione alla sindaca Virginia Raggi