• GreenStyle
  • Auto
  • Nissan e l’Università dell’Aquila insieme per la mobilità elettrica

Nissan e l’Università dell’Aquila insieme per la mobilità elettrica

Nissan e l’Università dell’Aquila insieme per la mobilità elettrica

Siglato un protocollo d'intesa tra Nissan e l'Università dell'Aquila: obiettivo è sviluppare soluzioni per la mobilità elettrica.

Nissan e l’Università dell’Aquila insieme per la mobilità elettrica. Al via il protocollo d’intesa tra la casa giapponese che sta puntando forte sull’auto elettrica e l’Università abruzzese con lo scopo di “sviluppare le conoscenze nell’ambito della mobilità elettrica, efficiente e sostenibile”.

Nissan ha messo a disposizione del Laboratorio di Ingegneria Elettrica del Dipartimento DIIIE una LEAF full-electric, l’auto elettrica più venduta al mondo, e un’infrastruttura dedicata per le attività di ricerca dei ragazzi e dei docenti.

Bruno Mattucci, Presidente e Amministratore Delegato di Nissan Italia ha dichiarato:

In Nissan lavoriamo da anni ad una mobilità efficiente e sostenibile, per lo sviluppo di propulsori che siano sempre più ecocompatibili, sistemi sempre più integrati nelle smart cities e tecnologie di ausilio alla guida sempre più intelligenti e sicure. L’iniziativa intrapresa con l’Università dell’Aquila si inserisce proprio in questo contesto di efficienza e sostenibilità e l’apporto dell’Ateneo, degli studenti e dei ricercatori è fondamentale per proseguire nella strada dello sviluppo della mobilità elettrica, soprattutto in virtù dei target ambientali sempre più stringenti.

Sul significato della partenrship Francesco Parasiliti Collazzo, Professore di Motori e Azionamenti Elettrici e responsabile del progetto, ha affermato:

In questo contesto, i ricercatori aquilani svilupperanno modelli di simulazione relativi al sistema veicolo elettrico-stazione di ricarica-rete elettrica che permetteranno di comprendere al meglio i vantaggi e le potenzialità dell’utilizzo quotidiano di un veicolo elettrico e delle tecnologie connesse. I modelli saranno messi a punto sulla base dei reali flussi energetici che interessano un veicolo elettrico nelle varie condizioni di utilizzo, dell’energia effettivamente utilizzata nei percorsi di guida quotidiani e dell’impatto della frenata rigenerativa.

Nissan sta puntando forte sulle soluzioni ecocompatibili, continuando anche la sua ricerca nel campo della guida autonoma. Le tecnologie fino ad ora sviluppate, come l’e-Pedal, ProPILOT Park e ProPILOT, consentono: la guida dell’auto attraverso un solo pedale; il parcheggio in maniera autonoma (la macchina prende il controllo dello sterzo); la guida autonoma in autostrada su singola corsia.

Inoltre LEAF può diventare una “batteria su quattro ruote”: permette infatti lo scambio di energia con la rete pubblica e quella domestica. Tutti elementi di innovazione destinati a migliorare le performance nel prossimo futuro, grazie anche al protocollo siglato con l’Università dell’Aquila.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Ciliegie senza glifosato: interviste ad Apofruit e Coop