Nella frutta il segreto di un cervello più intelligente, ecco perché

Nella frutta il segreto di un cervello più intelligente, ecco perché

Fonte immagine: pixabay

La frutta è il segreto per un cervello più intelligente: sarebbe questo il risultato di uno studio che ha dimensioni e dieta seguita, ecco perché.

Secondo un nuovo studio svolto dai ricercatori dell’Università di New York e pubblicato sulla rivista Nature Ecology & Evolution, esisterebbe una correlazione tra la dimensione del nostro cervello e la dieta che seguiamo. In particolare, il consumo di frutta potrebbe contribuire ad aumentare il tessuto cerebrale degli esseri viventi.

Inizialmente le dimensioni del cervello si pensava fossero legate alla socialità: più era complessa, più le pressioni sociali portavano all’evoluzione del cervello della specie umana. In realtà, a quanto pare, vi è un fattore ambientale che incide maggiormente e si tratterebbe del cibo.

Per analizzare e capire la veridicità di questa analisi, gli studiosi hanno comparato i dati relativi alla grandezze del cervello di oltre 140 specie di animali. Dapprima hanno approfonditi i parametri sociali, poi quelli ambientali e infine le abitudine alimentari. Proprio queste influenzerebbero le dimensioni del cervello in modo significativo: soprattutto chi mangia frutta avrebbe un cervello più grande del 25% rispetto agli erbivori.

Questo fatto ha diverse spiegazioni, ma una delle più importanti è da ricercarsi nel fatto che chi si nutre di frutta deve avere l’intelligenza tale da sapere dove trovarla, come aprirla e come estrarne la parte utile per il nutrimento.

Del resto l’evoluzione del cervello è stata guidata in gran parte dalla necessità di procurarsi cibo che, di conseguenza, ha portato a uno sviluppo delle capacità e abilità sociali. Ovviamente la dieta non può essere l’unico fattore che ha contribuito allo sviluppo del cervello, ma questo studio apre comunque un dibattito interessante in merito.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Seeds&Chips: intervista a Bruno Barbieri