Nati i Caschi verdi per l’ambiente, Costa: Italia in prima linea

Nati i Caschi verdi per l’ambiente, Costa: Italia in prima linea

Fonte immagine: Ministero dell'Ambiente

Il Ministero dell'Ambiente ha annunciato l'istituzione dei Caschi verdi per l'ambiente: tuteleranno i siti italiani patrimonio UNESCO.

Sono ufficialmente nati in Italia i Caschi verdi per l’ambiente. A darne la comunicazione ufficiale il Ministro dell’Ambiente Sergio Costa, che ha sottolineato come si tratti di una “task force” composta da 22 elementi di primo piano relativamente a vari settori: geologia, fisica, biologica, ma anche architettura.

I Caschi Verdi per l’ambiente si occuperanno di tutelare i siti naturali italiani patrimonio dell’UNESCO, salvaguardandoli e valorizzandoli. A dichiarato il Ministro dell’Ambiente Sergio Costa:

Ho fortemente voluto l’inserimento all’interno del Dl Clima, che così entra finalmente nel vivo, della figura dei Caschi verdi per l’Ambiente, consapevole della necessità dei nostri siti di avere più tutele, e di valorizzare maggiormente il nostro patrimonio naturale. A questo programma sperimentale sono destinati 2 milioni di euro per ciascuno degli anni, dal 2020 al 2022.

I 22 esperti provengono dall’ISPRA, ma non ci fermiamo solo a Ispra, stiamo interpellando le università, il Cnr, il Cufa. Tutti coloro che volontariamente, ma in servizio, intendono aderire mettendosi al fianco degli enti gestori per dare loro quel supplemento di esperienza che serve per tutelare al meglio gli scrigni della natura. Abbiamo presentato con successo l’iniziativa al Direttore Generale Unesco Audrey Azoulay con l’auspicata prospettiva che possa essere promossa come buona pratica a livello mondiale.

Ha commentato il direttore generale ISPRA, Alessandro Bratti:

Il numero così alto di adesioni volontarie ai Caschi verdi avute all’interno dell’ISPRA testimonia una volontà che va oltre il semplice incarico d’ufficio. Quello che ci aspetta è un compito delicato e pieno di responsabilità, che si svolge sul territorio italiano ma oltrepassa i confini nazionali. Siamo, infatti, fermamente convinti che tutti i siti Unesco debbano essere non solo supportati ma custoditi e valorizzati.

Fonte: Ministero dell'Ambiente

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

CrossFit a casa: sesta lezione