• GreenStyle
  • Consumi
  • NASA: i modelli di riscaldamento climatico sono troppo pessimisti

NASA: i modelli di riscaldamento climatico sono troppo pessimisti

NASA: i modelli di riscaldamento climatico sono troppo pessimisti

Un gruppo di grandi esperti della NASA afferma che gli attuali modelli climatici prevedono ritmi di riscaldamento globale troppo pessimistici, perché non tengono in considerazione importanti fattori di raffreddamento che entrano in gioco insieme all’aumento dei livelli di CO2. Gli esistenti modelli falliscono infatti nel non includere nello studio l’effetto che l’innalzamento dei livelli di […]

Un gruppo di grandi esperti della NASA afferma che gli attuali modelli climatici prevedono ritmi di riscaldamento globale troppo pessimistici, perché non tengono in considerazione importanti fattori di raffreddamento che entrano in gioco insieme all’aumento dei livelli di CO2.

Gli esistenti modelli falliscono infatti nel non includere nello studio l’effetto che l’innalzamento dei livelli di CO2 produce sulle piante. Come ben noto queste respirando anidride carbonica, rilasciando poi ossigeno. Pertanto la CO2 è essenziale per il processo di fotosintesi e il suo incremento produce importanti effetti su di esso.

Dunque i modelli sul futuro riscaldamento del clima globale dovrebbero prendere in considerazione la possibile crescita del numero di piante nel Pianeta, cosa che invece nella maggior parte dei casi non è assolutamente menzionata. Alcuni studi lo fanno, ma non riescono a produrre una corretta simulazione, in particolare con considerano il fatto che in presenza di un’elevata quantità di CO2 le piante riescono a fare un uso molto più razionale dell’acqua.

Bisogno poi considerare gli effetti di raffreddamento conseguenti al maggior numero di precipitazioni, un fattore anch’esso spesso trascurato nei precedenti studi.

Gli esperti di La NASA e NOAA hanno quindi prodotto delle simulazioni più accurate, considerando livelli di CO2 raddoppiati a 780 parti per milione (ppm) rispetto alle attuali 390 e ottenendo che il mondo subirebbe effettivamente un riscaldamento di soli 1,64 °C.

Per comprendere l’importanza di tale risultato basti considerare che attualmente le Nazioni Unite si stanno battendo per mantenere il riscaldamento globale limitato a 2°C e i livelli di CO2 sotto i 450 ppm, obiettivo ritenuto dalle attuali simulazioni irrealizzabile.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Il riscaldamento globale cambierà il mondo