• GreenStyle
  • Pets
  • Nana, il gatto che da due anni visita la tomba del proprietario

Nana, il gatto che da due anni visita la tomba del proprietario

Nana, il gatto che da due anni visita la tomba del proprietario

Fonte immagine: Unsplash

Il gatto Nana siede sulla tomba del proprietario da due anni, da quando una malattia ha interrotto la loro profonda e dolce amicizia.

Questa è una storia di grande fedeltà e profondo amore nei confronti dell’amico umano, anche se il protagonista non è un cane, ma bensì un adorabile gatto dal mantello rosso. Il suo nome è Nana e da due anni ogni giorno fa visita alla tomba del suo proprietario, Ab Aziz Ismail un insegnante in pensione. Una vicenda balzata agli onori della cronaca grazie a Hazlynn Nozi, figlia del defunto, che ha voluto far conoscere l’abnegazione di Nana e la sua dolcezza.

Lo ha fatto condividendo via social network foto e messaggi, raccontando del tempo trascorso dall’animale sempre al fianco del padre e del loro legame speciale. Nana ha vissuto per sei anni con l’uomo e la sua famiglia, aspettandolo al cancello ogni volta che andava presso la moschea locale. Il gatto sapeva che al suo ritorno avrebbero mangiato insieme e trascorso del tempo di qualità.

Gatto e uomo, un legame indissolubile che va oltre la morte

La morte di Ab Aziz Ismail per complicazioni renali ha purtroppo interrotto questa convivenza felice, ma da due anni Nana trascorre le sue ore accanto alla tomba dell’uomo. Il luogo della sepoltura è a circa cinque metri dalla casa. Sin dai primi istanti Nana ha sempre anticipato la famiglia durante le preghiere rituali, facendosi trovare seduto accanto alla tomba per fare compagnia al suo amico.

Hasnah Che Amat, la moglie del defunto, è stata contattata dai media locali e la vicenda ha così fatto il giro del mondo. Nana ogni giorno si fa trovare accanto al giaciglio funebre oppure sdraiato sopra il cofano della vecchia macchina un tempo guidata dal defunto.

Qualche volta si siede sull’altalena dove Ab Aziz Ismail era solito riposarsi. La moglie ha anche aggiunto che per tre mesi, dalla morte dell’uomo, Nana ha rifiutato il cibo come se volesse passare il tempo in solitudine a piangere la triste dipartita. Da allora il rituale si ripete giornalmente e il gatto rientra la mattina solo per ricongiungersi con la famiglia e fare colazione.

Fonte: Malay Mail

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Cucciolo di cane allevato da una gatta