Muore Leo, il gatto protagonista di Pet Sematary

Muore Leo, il gatto protagonista di Pet Sematary

Fonte immagine: YouTube

È venuto a mancare Leo, il gatto che interpreta Church nella pellicola horror Pet Sematary: il felino, di razza Maine Coon, è deceduto per cause non note.

A poche settimane dal suo debutto cinematografico, è venuto purtroppo a mancare Leo, il gatto protagonista dell’horror “Pet Sematary”. Il felino, un esemplare di razza Maine Coon, è infatti deceduto improvvisamente: a darne notizia è l’addestratore Kirk Jarrett, il quale aveva deciso di adottare il quadrupede al termine delle riprese cinematografiche.

Sullo schermo il gatto ha interpretato il ruolo di Church, uno degli animali-zombie protagonisti del film. Il felino appare pressoché ovunque nel materiale promozionale per “Pet Sematary”, remake di un classico del 1989, dal trailer alle locandine. Nonostante l’aspetto arruffato e malandato nella pellicola, una caratteristica dovuta a esigenze di set e raggiunta anche grazie alle tecniche di post produzione, l’animale era in realtà uno splendido esemplare di Maine Coon, dallo sguardo intenso e dal manto lungo e lucente.

Per la parte di Church nel film, i produttori hanno fatto ricorso a ben quattro felini diversi, così come sottolinea il Time. Leo, tuttavia, è stato l’esemplare d’elezione per i primi piani e le scene dove il gatto è del tutto riconoscibile, tanto da essere stato scelto per la già citata locandina dell’horror. Divenuto una piccola star sui social media, con migliaia di follower dall’uscita del film, il quadrupede è venuto improvvisamente a mancare, sebbene le cause della morte non siano al momento state specificate. L’annuncio è giunto dalla piattaforma Instagram:

È con grande tristezza che annunciamo la morte di Leo. Sarà sempre ricordato dalla sua famiglia umana e animale. Possa la sua stella brilla sempre.

Prima di entrare nel cast di “Per Sematary”, il gatto era ospitato in un rifugio. Terminate le riprese, il suo addestratore ha deciso di adottarlo definitivamente, non solo per le sue incredibili doti nell’apprendere i comandi, ma anche e soprattutto per il suo carattere amorevole e per la sua incredibile bellezza.

Fonte: Time

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Cucciolo di cane allevato da una gatta