Multe a raffica per i proprietari di cani

Multe a raffica per i proprietari di cani

Multe salate per i possessori di cani che non seguono le regole, dalle 250 fino alle 300 euro se il cane sporca ed è senza museruola.

Multe salate per i possessori di cani che dimostrano noncuranza e poco rispetto per gli spazi comuni, non raccogliendo gli escrementi di Fido. È una risoluzione forte quella che vede Torino e Roma attuare per prime soluzioni estreme ma necessarie. Non sono servite campagne di sensibilizzazione e appelli al rispetto, alcuni proprietari sembrano non curarsi degli spazi sociali. E le deiezioni non vengono raccolte e gettate negli appositi contenitori, ma sopravvivono su marciapiedi e strade.

La pena pecuniaria è molto salata, anche 250 euro di multa per i proprietari troppo pigri. E solo a Torino, in due settimane, sono stati stilati 30 verbali a fronte dei 3 di tutto il 2011. Quindi tempi duri e difficili per chi non collabora e manca di rispetto, abbandonando gli escrementi del cane. Del resto il quadro generale delle strade cittadine mostra una fotografia piuttosto inappropriata e incivile. Non solo asfalto, ma anche i prati dei parchi cittadini risultano maggiormente colpiti.

È compito del proprietario munirsi di sacchetto e paletta, quindi recuperare le deiezioni riportando allo stato iniziale lo spazio cittadino. Inoltre non verranno tollerati cani liberi senza museruola, ulteriore motivo di sanzione perché considerato un gesto pericoloso per la sicurezza comune.

Le ronde di agenti in borghese avvengono in modo discreto, negli orari più gettonati dai proprietari per la passeggiata con il cane, e spesso diventano un deterrente contro gli emulatori. Le scuse sono molto creative, dal cane che scappa al controllo fino alla negazione dell’evidenza, ma sembrano inutili innanzi alla violazione dei regolamenti. Le multe continuano a scattare indisturbate, colpendo in modo paritario senza distinzione alcuna.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Questo cane ha trovato un modo efficace per protestare!