Monopattini elettrici, prima multa a Torino: sanzione da 1079 euro

Monopattini elettrici, prima multa a Torino: sanzione da 1079 euro

Maxi multa per un giovane fermato alla guida del proprio monopattino elettrico a Torino: per lui una sanzione di oltre mille euro.

È costato caro il giro sul suo monopattino elettrico a un giovane torinese, destinatario della prima multa comminata a uno dei mezzi della micromobilità elettrica. Una sanzione provocata, hanno spiegato gli agenti della Polizia Municipale, dall’assenza di targa, libretto di circolazione e assicurazione civile; tre differenti infrazioni che hanno portato alla cifra finale di 1079 euro.

Il 25enne torinese si trovava a bordo del suo monopattino elettrico in via Principe Oddone, all’interno della corsia ciclabile, quando è stato fermato dagli agenti. Secondo quanto affermato dalla Polizia Municipale il mezzo non può procedere, almeno finché non verranno approvate le normative specifiche, su nessuna superficie stradale.

Gli agenti hanno reagito mettendo in pratica quanto contenuto nella circolare interna diffusa il 21 ottobre, nella quale si indica il trattamento da riservare a tali mezzi fino a nuove e più precise indicazioni normative: superando i 6 km/h dovranno essere trattati alla pari di un ciclomotore. In base a tali premesse al giovane è stata contestata la violazione degli articoli 97 e 193 del Codice della Strada, con singole sanzioni pari a 154, 76 e 849 euro (per un totale di 1079). Gli agenti hanno tralasciato di sanzionare l’assenza di casco, obbligatorio per i ciclomotori e in questi casi anche per i monopattini elettrici.

Questo è in sostanza quanto rischiano gli utilizzatori di monopattini elettrici a Torino, almeno finché non verranno approvate le nuove norme relative alla micromobilità elettrica. L’episodio ha scatenato immediatamente le prime polemiche, con il capo della Polizia Municipale torinese Emilio Bezzon accusavo di voler attaccare i nuovi mezzi. Bezzon ha risposto però che tali indicazioni sono dettate dalla necessità di sicurezza stradale dei pedoni e di “quelli che vanno sul monopattino”.

Resta tuttavia da capire come conciliare queste multe in relazione con la delibera dell’assessora alla Viabilità Maria Lapietra, che ha autorizzato di fatto la sperimentazione a Torino nella ZTL Centrale, nelle Zone 30 e lungo le piste ciclabili (come appunto il caso in questione) dei monopattini elettrici in condivisione. Un approccio che sembra per il momento penalizzare chi utilizza il mezzo di proprietà, ma che d’altra parte incoraggia gli operatori a tornare sul mercato della “Sharing Mobility”.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Il santuario degli elefanti in India