Monopattini elettrici a Roma, al via discussione al Campidoglio

Monopattini elettrici a Roma, al via discussione al Campidoglio

Monopattini elettrici e smart mobility a Roma, la discussione sull'applicazione del decreto Toninelli approda in Campidoglio.

Il decreto Toninelli sulla micromobilità elettrica potrebbe rivelarsi un problema per una città come Roma. Approdato ieri al Comune di Roma per la definizione delle disposizione riguardanti la sperimentazione di monopattini elettrici, monowheel, segway e hoverboard, il provvedimento porterebbe con sé diverse “insidie”.

Convocata dal presidente Stefàno inizialmente per il 21 ottobre e poi rinviata a venerdì 25, la Commissione Mobilità ha avuto come unico ordine del giorno il seguente: “Attuazione del Decreto del Ministero Infrastrutture e Trasporti ‘Micromobilità elettrica’”. Come riportato nel decreto Toninelli, la questione dovrà essere gestita e portare al via della sperimentazione entro luglio 2020. Inclusa un’apposita delibera comunale che dia il via libera ufficiale all’iniziativa e ne regolamenti circolazione e sosta.

I problemi sono legati in modo particolare ai controlli, con monopattini elettrici, hoverboard, segway e monowheel conducibili da maggiorenni e da minorenni in possesso di patentino valido per i ciclomotori (AM). Non è previsto l’obbligo del casco. Andranno inoltre installate l’apposita segnaletica, che indicheranno le aree con limite a 30 km/h e quindi quelle in cui potranno transitare i mezzi della micromobilità elettrica (come aree pedonali, piste ciclabili e zone 30 km/h).

Diversi i nodi da sciogliere per quanto riguarda i controlli, che dovrebbero essere eseguiti teoricamente su più o meno tutti gli utilizzatori in transito nelle aree indicate, ma anche per le eventuali sanzioni da applicare in caso di irregolarità riscontrate.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

E-Tracer: metà auto e metà moto, 100% elettrica