Monopattini elettrici, a Milano stop per oltre 2000 mezzi

Monopattini elettrici, a Milano stop per oltre 2000 mezzi

Sospese tre licenze per il noleggio dei monopattini elettrici a Milano, oltre 2mila mezzi sotto sequestro per ordine della Procura.

Tre concessioni sospese e oltre 2mila monopattini elettrici sequestrati. A questo ha portato l’azione intrapresa dalla Procura di Milano, che ha indagato in merito a una serie di anomalie evidenziate in merito ai mezzi della micromobilità milanese. Le tre società di noleggio avranno tempo fino alla metà di novembre per rimuovere i propri veicoli dalle strade cittadine.

Secondo quanto è emerso dalle indagini tra i problemi riscontrati l’eccessiva velocità dei monopattini elettrici, oltre il limite imposto per legge. Altra nota dolente la sosta selvaggia, Come ha spiegato il Comune di Milano in una nota:

Dall’inizio della sperimentazione dello sharing di monopattini il Comune ha avviato un costante monitoraggio dei veicoli messi a disposizione dei cittadini e del rispetto delle regole definite nell’avviso pubblico. Verifiche che si aggiungono alla regolare attività sanzionatoria effettuata dalla Polizia locale per il rispetto delle regole del Codice della strada.

A fronte di diverse rilevazioni di irregolarità a carico degli operatori e di reiterazione di comportamenti non conformi alle regole definite negli avvisi pubblici si è reso necessario arrivare a questo provvedimento, che impone ai tre operatori la cessazione delle attività e il ritiro dei veicoli entro metà novembre.

Monopattini elettrici, le motivazioni della Procura di Milano

A vedere sospese le licenze di sharing sono state Helbiz, Bird e Circ. Tra le critiche mosse dalla Procura di Milano l’assenza di limitatori di velocità, in alcuni casi di luci nonché di tecnologie che impedissero di parcheggiare i monopattini in zone non consentite. Dispositivi che erano indicati come requisiti essenziali nel bando di Palazzo Marino.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle