Monopattini elettrici a Milano: le regole da sapere

Monopattini elettrici a Milano: le regole da sapere

Via libera ai monopattini elettrici a Milano: tutto quello che c'è da sapere sulle regole per muovesi sulle due ruote elettriche.

Milano, via libera ai monopattini elettrici. Il Comune ha finalmente completato la posa della segnaletica che indica quali strade i mezzi dedicati alla micromobilità elettrica potranno percorrere legalmente senza il rischio di incorrere in sanzioni.

La sperimentazione, come previsto dal Ministero dei Trasporti, durerà sino al luglio del 2021. Per indicare le strade in cui questi mezzi potranno muoversi, il Comune ha collocato ben 130 cartelli. Regolamento alla mano, sulle aree pedonali, questi mezzi elettrici potranno muoversi, ma ad una velocità massima non superiore ai 6 Km/h. Al riguardo, si ricorda che il decreto richiede che questi mezzi di trasporto siano dotati di limitatore di velocità.

Sulle piste e percorsi ciclabili, sulle ciclopedonali e nelle Zone 30, la velocità massima per monopattini elettrici e Segway è di 20 Km/h. Il Comune di Milano ha delimitato con 80 cartelli alcune aree di assoluto divieto per questi mezzi elettrici. Trattasi per lo più di aree con pavimentazione in pietra, gallerie pedonali, corsie preferenziali parallele ai binari del tram e di aree di parcheggio caratterizzate da fondo cieco.

Monopattini elettrici e Segway potranno essere utilizzati anche nei percorsi ciclopedonali delle aree verdi. Tuttavia il via libera arriverà solamente quando il Consiglio Comunale di Milano approverà una modifica al regolamento del verde. I monopattini potranno essere parcheggiati nei classici stalli dedicati alle biciclette o anche a lato della strada, a patto che non costituiscano un pericolo o un intralcio alle persone.

Con il via libera alla micromobilità a Milano, arriva ufficialmente anche lo sharing di questi mezzi. Saranno tre le società che se ne occuperanno: Wind Mobility, Bit Mobility e Helbiz Italia.

Le buone notizie non sono finite qui. Un emendamento alla Legge di Bilancio ha equiparato i monopattini elettrici alle bici per le regole di circolazione su strada. Sicuramente una buona notizia per la diffusione della microbilità. Soddisfazione soprattutto in casa Legambiente dove Edoardo Zanchini, vicepresidente Legambiente, ha dichiarato:

Finalmente da questa tormentata legge di Bilancio arriva una buona notizia per l’ambiente e per la micromobilità elettrica. L’emendamento approvato ieri sera in Commissione Bilancio, al Senato, equipara infatti i monopattini elettrici alle bici per le regole di circolazione su strada.

La micromobilità rappresenta un tassello importante nel ripensare gli spostamenti e la mobilità in città e le esperienze che arrivano dall’estero, da aree urbane come Berlino, Barcellona, Bruxelles o Parigi, dimostrano concretamente come i monopattini siano un importante mezzo di raccordo con i mezzi pubblici contribuendo a ridurre inquinamento e traffico, fornendo una valida alternativa all’uso della macchina e rendendo le città più vivibili. Ora il nostro auspicio è che si arrivi al traguardo finale senza nessun ripensamento, approvando una legge di bilancio che creda e punti davvero sulla mobilità a emissioni zero.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

CrossFit a casa: nona lezione