• GreenStyle
  • Consumi
  • Moda sostenibile: Principe Carlo anti-spreco, fa riparare abiti e scarpe

Moda sostenibile: Principe Carlo anti-spreco, fa riparare abiti e scarpe

Moda sostenibile: Principe Carlo anti-spreco, fa riparare abiti e scarpe

Fonte immagine: Pixabay

Il Principe Carlo fa riparare scarpe e abiti, è contrario allo spreco e al fast-fashion e ha lanciato un nuovo progetto.

C’è un aspetto della vita del Principe Carlo che in pochi conoscono ma che è davvero importante: è un appassionato di moda sostenibile. Il Principe di Galles da anni combatte l’usa e getta sostenendo lo stile green.

La moda sostenibile del Principe Carlo

Il primogenito di Queen Elizabeth ha la reputazione di far rammendare e riparare le sue scarpe di cuoio fatte su misura e di far rattoppare vecchi abiti fatti a mano a Saville Row.

A Vogue ha raccontato: «Quando ero bambino, portavamo le nostre scarpe dal calzolaio in Scozia e guardavo affascinato il momento in cui strappavano le suole e poi mettevano le nuove». Pratica che ha mantenuto viva nel tempo. «Mi capita di essere una di quelle persone a cui far riparare le scarpe o qualsiasi capo di abbigliamento se posso, piuttosto che buttarle via».

Il Principe detesta buttare gli oggetti che ha acquistato: «Compra una volta, compra bene» è il suo mantra.  «La difficoltà è che, invecchiando, si tende a cambiare forma e non è così facile vestirsi. Ma non sopporto alcuno spreco, compresi gli sprechi alimentari. Preferisco di gran lunga trovare un altro uso. Questo è il motivo per cui ho parlato così a lungo della necessità di un’economia circolare, piuttosto che lineare in cui devi solo fare, prendere e buttare via. Una tragedia, perché inevitabilmente sfruttiamo eccessivamente le risorse naturali che si stanno rapidamente esaurendo», ha raccontato alla rivista di moda.

Recentemente il Principe Carlo ha anche lanciato un progetto con Yoox. Si tratta di Modern Artisan. Esiste ora un file rouge che unisce alcuni studenti del Politecnico di Milano e alcuni studenti in Scozia che, grazie alla Fondazione del Principe Carlo, hanno avviato un progetto di formazione tessile in alta moda e abilità di cucito. L’obiettivo è unire in una collezione moda, lusso e sostenibilità. Un’opportunità interessante per il settore moda ma anche per quello della didattica in un momento così difficile per tutti.

 

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle