Minieolico domestico e aziendale

Minieolico domestico e aziendale

Il panorama delle offerte per l’installazione di un impianto minieolico è davvero ricco. Questi anni di incentivi e crescente attenzione per le energie rinnovabili hanno aumentato in maniera decisa anche il numero delle aziende impegnate nel settore. Ampia la diversificazione delle proposte, garantita in primis dall’ampio spettro di motori a disposizioni per gli impianti. Una […]

Il panorama delle offerte per l’installazione di un impianto minieolico è davvero ricco. Questi anni di incentivi e crescente attenzione per le energie rinnovabili hanno aumentato in maniera decisa anche il numero delle aziende impegnate nel settore. Ampia la diversificazione delle proposte, garantita in primis dall’ampio spettro di motori a disposizioni per gli impianti.

Una turbina che generi energia attraverso il minieolico può arrivare fino ai 200 kW di potenza, partendo da un valore che può essere anche di appena 400 watt. Vediamo le principali offerte per quanto riguarda il minieolico domestico e aziendale, che per convenzione abbiamo qui diviso in aerogeneratori fino a 5 kW di potenza per i modelli destinati a utenze private domiciliari e dai 6 kW in poi per quelle d’impresa:

Caratteristico Minieolico domestico

Il valore appena citato di 400 WATT introduce l’offerente per eccellenza del mercato italiano: Enel Green Power. Fornitore di elettricità per molte famiglie, la società mette a disposizione di chi volesse diventare il produttore della propria energia un’offerta specifica per casa e azienda.

Il minieolico domestico di Enel è targato Pramac, disponibile nella doppia versione da 400 watt o da 1 kW di potenza (esclusivamente ad asse verticale). Il prezzo dei due impianti varia dai 4.240 euro del primo ai 5.590 del secondo, ma non esaurisce le differenze tra i due. Il minieolico da 400 WATT è montato su un palo di 3 metri (con possibilità di altezze inferiori), è proposto con il meccanismo d’incentivazione dello “Scambio sul posto” ed è pensato per un impiego all’interno delle zone urbane.

L’opzione da 1 kW è montata su un palo di 6 metri (anche in questo caso misura riducibile) ed è abbinata a un meccanismo di Tariffa Omnicomprensiva che garantisce un guadagno di 0,30 € per ogni kWh immesso nella rete energetica. Chi lo desiderasse può chiedere che venga invece attivato lo Scambio sul posto, considerato però meno remunerativo per questo genere di impianti. Entrambi i modelli offrono assistenza dall’installazione al collaudo e per quanto riguarda l’allaccio alla rete elettrica e per le pratiche presso il GSE.

Potenza di 2 kW per la svedese Windon. In questo caso le misure in termini di altezza dal suolo sono importanti e forse difficili da gestire, variando dai 9 o 12 metri quelle del palo di sostegno. Le pale raggiungono invece, parliamo quindi di un modello a asse orizzontale, i 3,2 metri di estensione in larghezza.

Questo modello viene presentato dalla Windon come particolarmente vantaggioso in termini di costi di manutenzione e parti di ricambio grazie alla scarsità di vibrazioni garantita dall’aletta posteriore. Il “cut-in” è di 2,5 m/s, mentre la velocità nominale di vento operativo è di 9,5 m/s. Durata prevista di vita per l’impianto di 20 anni, con formule di garanzia comprese tra i 2 e i 10 anni. Un preventivo può essere richiesto direttamente tramite il sito Internet della casa svedese, che fornisce anche impianti di potenza pari a 10, 20 e 30 kW.

Minieolico aziendale: pro e contro

Enel Green Power propone un’offerta più varia e articolata per il segmento aziendale. In questo caso i modelli sono quattro, equamente divisi tra asse verticale (entrambi da 1 kW) e asse orizzontale (da 20 e 55 kW). Prezzo identico per le versioni di minore potenza, 5.590 euro iva inclusa, che si differenziano per la possibilità di installazione su tetto piano (palo alto 3 metri) o a terra (palo alto 6 metri).

Minieolico aziendale
Entrambi questi due impianti dispongono di inverter monofase, mentre i seguenti avranno in dotazione un inverter trifase per il collegamento alla rete elettrica. I valori cambiano radicalmente iniziando a parlare delle versioni ad asse orizzontale.

Il modello da 20 kW di potenza è montato su un palo autoportante alto 18 metri e distribuito esclusivamente con Tariffa Omnicomprensiva da 0,30 €/kWh, per un recupero economico di circa 12.000 euro/anno calcolata su un ammontare stimato di 2.000 ore di attività. Prezzo di vendita 94.000 euro iva compresa.

Il modello da 55 kW poggia su di un palo autoportante alto 30 metri, discorso analogo riguardo la Tariffa Omnicomprensiva, a eccezione per i possibili ricavi che salgono in questo casa a 36.300 euro/anno per 2.200 ore di attività. Varia in maniera decisa anche il costo dell’impianto, pari a 227.500 euro iva inclusa.

Entrambi gli importi sono rateizzabili attraverso un finanziamento richiedibile direttamente in fase di acquisto. Come per il settore domestico, anche in questo caso Enel Green Power offre assistenza dall’installazione al collaudo, per l’allaccio alla rete elettrica e le pratiche presso il GSE.

Torniamo a parlare di impianti al di sotto dei 50 kW con la Turbina 20 KW Redriven della Renova Wind Energy. Questo modello si segnala subito per l’ottimo valore di “cut-in”, pari a 2.0 m/s, mentre il limite massimo di intensità ventosa tollerabile per la produzione) risulta leggermente inferiore alla media con un “cut-out” di 18 m/s. Limite di sopravvivenza fissato a 40 m/s con velocità del vento a potenza nominale di 11 m/s.

La 20 KW Redriven dispone inoltre di controllo elettrico computerizzato dell’imbardata attiva e sistema di controllo remoto per il monitoraggio costante di tutti i parametri della turbina. Distribuiti dalla Renova Wind Energy sono anche modelli di potenza pari a 10, 30, 50, 60, 80, 100 e 130 kW. Maggiori informazioni e richiesta di preventivo sul sito re-novawindenergy.it.

Seguici anche sui canali social