Il Milleproroghe è diventato legge: tutte le novità per l’ambiente

Il Milleproroghe è diventato legge: tutte le novità per l’ambiente

Fonte immagine: Wikimedia Commons

Diverse le novità legate all'ambiente all'interno del Milleproroghe, approvato in via definitiva dal Senato: ecco le principali norme introdotte.

Il Milleproroghe ha superato anche l’esame del Senato ed è ora legge. Approvato con voto di Fiducia, 154 favorevoli e 96 contrari (nessun astenuto), il provvedimento introdurrà alcune novità importanti anche in relazione ai settori quali la mobilità sostenibile, bonus e incentivi per l’efficienza energetica, le auto e le trivellazioni in Italia.

Sono diverse le novità contenute nel Milleproroghe che interessano l’ambiente, a cominciare proprio dalle trivellazioni. Come anticipato alcuni giorni fa un emendamento ha esteso la sospensione delle attività di ricerca e perforazione da 18 a 24 mesi, ampliando inoltre il periodo a disposizione del governo per la presentazione del Piano per la Transizione Energetica Sostenibile delle Aree Idonee (PiTESAI).

Altro tema che ha scatenato varie polemiche è quello legato ai monopattini elettrici, per i quali scatterà: l’obbligo di casco in caso di utilizzatori minorenni e di circolazione unicamente sulle strade con limite massimo di 50 chilometri orari, il divieto di guida per i minori di 14 anni e l’obbligo di abbigliamento retroriflettente dopo il tramonto. Multe fino a 400 euro e possibile confisca del mezzo in caso di superamento dei limiti di velocità o di infrazioni alle norme delle circolazione stradale.

Novità anche per quanto riguarda le utenze energetiche. Il passaggio obbligatorio al mercato libero è confermato al 31 dicembre 2020 soltanto per le imprese, mentre microimprese e privati potranno restare nel mercato a maggiore tutela fino a gennaio 2022.

Sul fronte incentivi è stato reso più difficile accedere ai bonus (fino a 2500 euro) per il cambio dell’auto, con la nuova vettura che dovrà rispettare standard ancora più stringenti in termini di sostenibilità ambientale: non più emissioni comprese tra i 21 e i 70 CO2 g/km, ma tra i 21 e i 60 CO2 g/km. Confermato per tutto il 2020 il “bonus verde” per recuperare parte delle spese di riqualificazione di giardini e terrazzi.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Premio Impresa Ambiente: intervista a Stefano Venditti di Asset Camera