• GreenStyle
  • Pets
  • Milano: lasciano cagnolina e cuccioli in casa, senza acqua e cibo

Milano: lasciano cagnolina e cuccioli in casa, senza acqua e cibo

Milano: lasciano cagnolina e cuccioli in casa, senza acqua e cibo

Fonte immagine: Unsplash

Una cagnolina è stata trovata in una casa con i suoi cuccioli, senza acqua né cibo: i proprietari avrebbero chiesto a un conoscente di occuparsene.

Una cagnolina è stata lasciata con i suoi cuccioli all’interno di una casa di Milano, senza cibo né scorte di acqua. È quanto riferisce Il Giorno, nel raccontare l’intervento dell’Unità Tutela Animali della polizia locale, in accordo con i veterinari dell’ATS di Milano. Gli agenti hanno tratto in salvo i quadrupedi, purtroppo non tutti i piccoli sono sopravvissuti.

La scoperta è avvenuta lo scorso 7 luglio in zona Crescenzago, a seguito della segnalazione di un vicino di casa, allertato dall’abbaiare notturno della cagnolina. Entrati nell’appartamento, gli agenti hanno rinvenuto una condizione igienica complicata, quindi la presenza di una cagnolina con ben tredici cuccioli, partoriti qualche giorno prima. Due di questi sono stati trovati già senza vita, mentre altri tre si sono spenti durante la notte successiva all’intervento, poiché già molto deboli. Sul posto è giunto anche un uomo, il quale ha riferito di aver ricevuto le chiavi dell’appartamento da un conoscente la sera prima, allo scopo di portare cibo e acqua agli animali.

Secondo quanto riferito sempre da Il Giorno, i proprietari dei quadrupedi – una coppia di cingalesi – sarebbero dovuti partire all’improvviso per lo Sri Lanka. Prima della partenza, tuttavia, avrebbero consegnato le chiavi di casa a un conoscente, con la richiesta di occuparsi delle necessità della cagnolina. Per questa ragione, sottolinea il quotidiano, le autorità hanno sporto una denuncia per maltrattamento di animali contro ignoti, poiché al momento non sono state ancora accertate le responsabilità: l’indagine risulta ancora in corso.

Gli animali sono stati sequestrati e condotti al canile sanitario dell’ASL, dove sono stati rifocillati, curati e sottoposti a microchip. Quando i cuccioli saranno sufficientemente cresciuti, verrà chiesta autorizzazione alle autorità competenti per poter avviare le procedure per una loro pronta adozione.

Fonte: Il Giorno

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Questi cani sembrano davvero molto arrabbiati, ma poi…