Miele di rododendro: velenoso secondo la Commissione europea

Miele di rododendro: velenoso secondo la Commissione europea

Fonte immagine: Unsplash

La Commissione Europea vuole vietare la vendita del prezioso miele di rododendro per l’elevata presenza di tossine.

Il miele di rododendro è particolarmente rischioso per l’elevata presenza di tossine tanto che la Commissione europea sta pensando di metterlo al bando. A riportare la volontà di Bruxelles è il quotidiano spagnolo El Pais:

Per questo motivo la Commissione europea ha preso in considerazione la possibilità di regolamentare la vendita del “cosiddetto miele pazzo” nell’Unione e gli Stati membri sono stati invitati a chiarire se è distribuito nei rispettivi Paesi.

La tossicità del miele, ricercato e molto costoso, è data dal grayanotoxin, che è colpevole di sintomi come sudorazione, vomito, vertigini, debolezza agli arti e intorno alla bocca e abbassamento della pressione sanguigna. Henares Francisco Zaragoza, professore di Farmacologia, Università di Alcala spiega:

Gli effetti possono essere simili a quelli prodotti dal fungo allucinogeno Amanita muscaria, che colpisce il sistema nervoso centrale: confusione, agitazione, delirio, amnesia, e possono causare una sindrome colinergica.

Effetti importanti sulla salute tanto che la Commissione pare sia pronta a regolamentare la vendita e l’Agenzia per la sicurezza alimentare sottolinea che al momento non si sono verificati avvelenamenti gravi. In Europa solo Italia e Francia sono Paesi produttori, anche se non sono stati mai individuati casi di intossicamento per il miele coltivato nelle Alpi. Il miele con maggiori possibilità di essere contaminato è quello coltivato in Turchia, Stati Uniti, Brasile e Nepal.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Top Green Influencer: intervista a Davide Mercati – Aboca