Micotossine nel mais biologico per popcorn: i lotti ritirati

Micotossine nel mais biologico per popcorn: i lotti ritirati

Fonte immagine: Alex Munsell on Unsplash

Richiamato mais contenente aflatossine: 15 lotti Carrefour Bio e Cerreto Amanti del Biologico, l'allerta del Ministero della Salute.

Il Ministero della Salute ha decretato il ritiro dal mercato di diversi lotti di mais per pop corn, prodotti dalla emiliana Cerreto srl di Gattatico (Reggio Emilia). La decisione interessa un totale di 15 lotti di produzione, sei distribuiti mediante il marchio Carrefour Bio, i restanti a marchio Cerreto Amanti del Biologico. Motivazione del provvedimento è la presenza riscontrata di aflatossine e aflatossine B1 in misura superiore ai limiti di legge. Prodotte da specie fungine appartenenti alla classe degli Ascomiceti, oppure da altre muffe, le aflatossine sono delle micotossine ad altissimo potenziale tossico, tra le sostanze più a rischio cancerogeno esistenti in natura.

Secondo alcuni studi accademici, la presenza di aflatossine sarebbe un chiaro indizio di un non sufficiente trattamento delle coltivazioni mediante funghicidi, un procedimento spesso non effettuato (oppure effettuato mediante metodi alternativi) nel settore dell’agricoltura biologica.

Il Ministero della Salute raccomanda a tutti coloro che siano in possesso dei prodotti oggetto del richiamo, a riportare gli stessi nei punti vendita dove si è acquistato il prodotto. Gli stessi potranno essere sostituiti con altri, oppure rimborsati.

I codici dei lotti interessati, venduti in confezioni da 500 grammi a marchio Carrefour Bio, sono i seguenti: 18B1936,18B2249, 19B0116, 19B0339, 19B0635, 19B1026.

I codici dei lotti interessati, venduti in confezioni da 500 grammi a marchio Cerreto Amanti del Biologico, sono i seguenti: L.19B0115, L.19B0236, L.19B0322, L.19B0426, L.19B0606, L.19B0812, L.19B0885, L.19B1056, L.19B1128.

A seguito della pubblicazione del nostro articolo abbiamo ricevuto una mail di precisazione da parte dell’azienda Cerreto srl che riportiamo integralmente:

l’Azienda rende noto che come d’obbligo aveva preventivamente effettuato i controlli a campione più volte attraverso un laboratorio esterno. Cerreto infatti, si impegna quotidianamente per garantire la qualità dei propri prodotti e la sicurezza dei consumatori, per questo motivo effettua ogni giorno numerose analisi, che pubblica sul sito http://qualitacontrollata.cerretosrl.it/ con l’obiettivo di essere trasparente al 100%. Inoltre, per facilitare il reperimento di informazioni sui parametri delle analisi ha inserito un QR code sull’imballo di ciascun prodotto.

Nessun prodotto lascia lo stabilimento prima che i laboratori esterni abbiano effettuato tutte le analisi e ne confermino la conformità. I controlli effettuati a campionatura consentono di verificare scrupolosamente i lotti di materia prima, ma raramente può succedere che una parte del lotto non sia uniforme e presenti dei valori leggermente più alti della media del lotto stesso. In questi rari casi si procede con il richiamo preventivo del lotto per tutelare pienamente la salute del consumatore ed essere totalmente coerenti con la mission aziendale: mettere a disposizione dei consumatori solo prodotti di altissima qualità.

In questo caso specifico, Cerreto Amanti del Biologico ha provveduto a rieffettuare i controlli da cui emerge che i valori medi ottenuto sono conformi per le aflatossine Totali e leggermente superiori ai limiti di legge per l’aflatossina B1. L’Azienda tiene a rassicurare il consumatore informandolo che si tratta di quantità di sostanze minime o molto basse e che i limiti posti dall’EFSA (European Food Safety Authority) sono basati su valutazioni estremamente cautelative.

Cerreto Amanti del Biologico, in continuo contatto con l’ASL locale, ha già provveduto a richiamare dai negozi i lotti. Nel caso in cui il prodotto fosse già stato acquistato, si può restituirlo al punto vendita che provvederà al relativo rimborso.

Fonte: Ministero della Salute

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Orso M49: il video editoriale di Alfonso Pecoraro Scanio