Meno emissioni per le auto in Italia dal 2009

Meno emissioni per le auto in Italia dal 2009

Nel primo semestre del 2009 si è registrato in Italia un calo della media ponderata delle emissioni delle nuove vetture immatricolate, secondo un recente studio dell’UNRAE, l’Unione Rappresentanti Autoveicoli Esteri in Italia. Grazie agli incentivi, afferma l’associazione, l’Italia si avvicina a grandi passi al limite fissato dall’Unione europea per il 2012. La stima si basa […]

Nel primo semestre del 2009 si è registrato in Italia un calo della media ponderata delle emissioni delle nuove vetture immatricolate, secondo un recente studio dell’UNRAE, l’Unione Rappresentanti Autoveicoli Esteri in Italia. Grazie agli incentivi, afferma l’associazione, l’Italia si avvicina a grandi passi al limite fissato dall’Unione europea per il 2012.

La stima si basa su un’elaborazione sui dati del Ministero dei Trasporti, da cui emerge un incoraggiante quadro delle nuove auto immatricolate in tutto il paese da gennaio al giugno scorso. Il risultato di 138,7 g/Km emessi mediamente dalle nuove vetture, segna un importante miglioramento rispetto ai 145 g/Km dello stesso periodo dello scorso anno, verso l’obiettivo europeo fissato per il 2012 di un massimo di 130 g/Km.

L’UNRAE, che rappresenta 46 case automobilistiche estere operanti in Italia e che ha maturato una sorta di specializzazione in questo tipo di studi, indica come primi responsabili dei passi avanti, gli eco incentivi che hanno incoraggiato l’acquisto di vetture nuove con bassi consumi o con combustibili alternativi, come Metano o Gpl.

Incentivi che, secondo la stessa UNRAE, andrebbero ancor più implementati, allargandoli ad altre tipologie di macchine, per favorire risultati ancora migliori.

Lo studio si sofferma anche sull’analisi della media di emissioni regione per regione, sottolineando prestazioni più virtuose per le regioni del Sud Italia. Questo grazie alla maggior diffusione nelle aree meridionali di vetture di piccole dimensioni e cilindrata, o diesel.

Per cui meno inquinanti sono risultate le automobili immatricolate in Molise, in Campania, in Basilicata e in Sicilia, con valori che si aggirano intorno ai 129,50 g/Km. Fanalini di coda per le emissioni, invece, il Trentino alto Adige, la Val d’Aosta e la Lombardia, e via via tutte le regioni settentrionali.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

4women4earth: intervista a Max Paiella