Maturità 2017: ambiente e minaccia alla natura nella prima prova

Maturità 2017: ambiente e minaccia alla natura nella prima prova

Fonte immagine: assente

L'ambiente tra le tracce della maturità 2017, per l'analisi del testo scelta lirica Versicoli quasi ecologici del livornese Giorgio Caproni.

C’è l’ambiente tra gli spunti offerti durante la prima prova per gli esami di maturità 2017. Un primo ostacolo che dovranno affrontare questa mattina i maturandi li vedrà affrontare l’analisi del testo della lirica “Versicoli quasi ecologici“, tratta dalla raccolta Res Amissa, scritta dall’intellettuale livornese Giorgio Caproni.

Maturità 2017 che vedrà l’ambiente al centro dell’attenzione anche per quanto riguarda le tracce per il saggio breve artistico letterario. In questo caso il suggerimento sarà: “La natura tra minaccia e idillio in arte e letteratura“. Proposte anche opere di Leopardi (“Dialogo della natura e di un islandese”), Montale (“I limoni”) e Pascoli (“Il lampo”), oltre ai quadri “Bufera di neve: Annibale e il suo esercito attraversano le Alpi”, di William Turner, e “Idillio primaverile” di Giuseppe Pellizza da Volpedo.

La lirica “Versicoli quasi ecologici” è stata pubblicata postuma, inserita come detto all’interno della raccolta Res Amissa, nel 1991. Livornese di nascita, Giorgio Caproni attraverso tali versi ha offerto al mondo un accorato appello al rispetto della vita e della bellezza della natura e dei suoi animali, preziosi anche per la stessa vita dell’uomo. Su tutto l’appello a non premiare con riconoscimenti chi per ragioni industriali contribuisse alla scomparsa di esseri viventi.

Interessante spunto che può essere elaborato in chiave ambientale, pur essendo di fatto inserito come “saggio storico politico”, quello relativo a “disastri e ricostruzioni“. Un’opportunità per gli studenti per sottolineare non soltanto ciò che a tutti gli effetti è avvenuto e la chiave storica che ha guidato il processo di ricostruzione, ma anche la possibilità e la necessità di inserire il processo di ricostruzione all’interno di quadro che tenga conto del consumo di suolo e della minaccia legata al dissesto idrogeologico.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

4women4earth: intervista a Max Paiella