Marea nera: nuovo tappo per arginare la falla

Marea nera: nuovo tappo per arginare la falla

British Petroleum ha messo in atto un ulteriore tentativo per cercare di arginare la marea nera nel Golfo del Messico, ormai tristemente conosciuta come uno dei maggiori disastri ambientali provocati dall’uomo. È stata infatti posata una nuova copertura, più piccola rispetto alla precedente, sulla falla alla base del pozzo petrolifero, nella speranza di riuscire ad […]

British Petroleum ha messo in atto un ulteriore tentativo per cercare di arginare la marea nera nel Golfo del Messico, ormai tristemente conosciuta come uno dei maggiori disastri ambientali provocati dall’uomo.

È stata infatti posata una nuova copertura, più piccola rispetto alla precedente, sulla falla alla base del pozzo petrolifero, nella speranza di riuscire ad arginare la fuoriuscita di greggio, la quale si sta protraendo da tre lunghissimi mesi.

Per capire se questa operazione risulterà risolutiva occorreranno almeno 48 ore dalla posa del tappo, il quale è stato soprannominato “Top Hat 10”, anche se dalle prime immagini divulgate sembra che l’emorragia sia stata finalmente tamponata.

La BP resta comunque particolarmente cauta, evitando di sbilanciarsi sull’esito definitivo del nuovo tentativo, in quanto si tratta in ogni caso di condizioni d’intervento molto difficili, tenuto conto anche della profondità di oltre 1.500 metri.

Michelle Obama, dal canto suo, durante soggiorno in Florida ha invitato i turisti a non lasciare la zona, ricordando che un’ampia zona costiera non è fortunatamente ancora stata investita dal liquido nero.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

4women4earth: intervista a Max Paiella