Mare Monstrum 2020: reati contro il mare in crescita nel 2019

Mare Monstrum 2020: reati contro il mare in crescita nel 2019

Fonte immagine: iStock

Pubblicato da Legambiente il rapporto Mare Monstrum 2020, nel documento evidenziato l'incremento nel 2019 delle infrazioni a danno dell'ecosistema marino.

Oltre 23mila aggressioni all’ecosistema marino lo scorso anno secondo Mare Monstrum 2020. Il rapporto annuale di Legambiente fotografa un orizzonte poco rassicurante per la tutela delle specie ittiche e del loro habitat. Le infrazioni registrate da Capitaneria di Porto e forze dell’ordine sono aumentate nel 2019 del 15,6% (rispetto al 2018). Sequestrati beni del valore complessivo pari a 520 milioni di euro, per un totale di 6.486 sequestri effettuati (+11,2%).

Rapporto Mare Monstrum redatto dall’Osservatorio nazionale Ambiente e legalità di Legambiente. Nel documento viene indicato inoltre come il 52,4% delle infrazioni sia localizzato tra Calabria, Campania, Puglia e Sicilia. Tra le problematiche maggiori la pesca illegale, che da sola rappresenta il 22% delle aggressioni all’ecosistema marino.

Da Legambiente anche una riflessione sul periodo di lockdown causato dalla pandemia di Coronavirus. Secondo l’associazione durante la quarantena è emerso chiaramente l’impatto dell’uomo sulla natura:

Per qualche mese ci siamo illusi che qualcosa potesse cambiare, che nulla dovesse per forza tornare come prima. Abbiamo assistito a come la natura, senza la nostra invadente presenza, in molti casi si sia ripresa i suoi spazi, ci siamo commossi per la spavalda tranquillità degli animali selvaggi, per i torrenti improvvisamente cristallini come non li avevamo mai visti, per le dune che hanno rapidamente riconquistato le spiagge, il mare pulito.

Con la pandemia da Covid-19 e il lungo periodo di lockdown abbiamo avuto la chiara dimostrazione di quanto incida negativamente la pressione antropica sull’ecosistema e, ancor più, di quanto sia devastante l’impatto delle attività illecite. In assenza di scarichi industriali, i fiumi si sono rapidamente ripuliti, salvo poi, pochi giorni dopo la ripartenza, tornare a subire l’avvelenamento da parte degli ecocriminali. Insomma, l’illusione, purtroppo, è svanita ben presto.

Mare Monstrum 2020 e Goletta Verde

Dai numeri di Mare Monstrum 2020 l’associazione riparte con Goletta Verde e Goletta dei Laghi. Giorgio Zampetti, direttore generale di Legambiente:

I dati di Mare Monstrum e delle Golette dello scorso anno ci parlano di acque in preda a vecchie e nuove minacce. Dal marine litter, cui si aggiunge la dispersione dei dispositivi di protezione, agli scarichi illegali e all’abusivismo. Per questo, siamo pronti a ripartire con Goletta Verde e Goletta dei laghi in una formula inedita per capillarità e diffusione. In campo, nel 2020, una straordinaria operazione di citizen science, con centinaia di volontari impegnati direttamente nei campionamenti delle acque e nel censimento dei rifiuti lungo le coste.

Fonte: Legambiente

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Opera2030 Open Day II “Truth News and Good Actions”