Manifestanti occupano la più grande miniera di carbone in Germania

Manifestanti occupano la più grande miniera di carbone in Germania

Fonte immagine: da Wikipedia Commons

Una miniera di carbone a Garzweiler è stata occupata da manifestanti che hanno superato i blocchi della polizia.

Oltre cinquemila persone vestite con tute bianche e coperti da maschere antigas a occupare una delle miniere di lignite e antracite più grandi del paese. Accade in Germania, più precisamente a Garzweiler, nella popolosa e produttiva regione di Nordreno-Vestfalia, per una mobilitazione organizzata dall’associazione Ende Gelände, che per l’occasione ha coinvolto organizzazioni e comitati da più di nove paesi europei.

Obiettivo della protesta è l’immediato stop delle centrali a carbone, una delle fonti di Co2 più impattanti al mondo. Un problema particolarmente sentito in Germania, obbligata a un ritorno anacronistico al primo combustibile fossile della storia, dopo aver abbandonato l’energia nucleare da diversi anni (l’ultima centrale nucleare teutonica verrà dismessa nel 2022). Un fine che ben si associa alla miniera oggetto della manifestazione, la più grande della nazione e una delle principali fornitrici della centrale di Neurath, tra le più grandi del Nord Europa. I manifestanti, dopo aver superato il blocco della polizia all’ingresso, hanno occupato le rotaie, bloccando sostanzialmente la fuoriuscita del prodotto dal luogo di estrazione, impedendo così il rifornimento delle centrali più vicine. Tuttavia, la produzione di energia non è diminuita né stata danneggiata, grazie alle scorte in magazzino.

Non sono mancati gli scontri con le forze dell’ordine e le accuse di abuso di violenza contro gli attivisti ecologici. Dopo diversi accordi con le forze di polizia locali, i membri di Ende Gelände si sono impegnati ad abbandonare il luogo, considerato pericoloso dalle autorità sanitarie, entro domenica.

Le associazioni ambientaliste di tutto il mondo hanno definito il gesto come uno dei più clamorosi atti di disobbedienza civile degli ultimi anni.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Il riscaldamento globale cambierà il mondo