• GreenStyle
  • Salute
  • Mangiare pesce aiuta a prevenire il tumore al colon, rischio -12%

Mangiare pesce aiuta a prevenire il tumore al colon, rischio -12%

Mangiare pesce aiuta a prevenire il tumore al colon, rischio -12%

Mangiare pesce tre volte a settimana aiuta a ridurre i rischi di sviluppare un tumore al colon: quali sono i pesci da consumare.

Mangiare pesce tre volte a settimana riduce del 12% il rischio di tumore al colon rispetto a chi ne consuma una soltanto. Stando a quanto affermano i ricercatori della University of Oxford seguire queste particolari indicazioni aiuterebbe, grazie alla presenza di acidi grassi buoni, di ridurre le infiammazioni all’interno dell’organismo impedendo che possano portare a danneggiamenti del DNA e quindi a formazioni tumorali. Gli stati infiammatori portano anche alla produzione di citochine, ritenute un “carburante” per la crescita dei tumori.

Prevenire i tumori al colon mangiando pesce tre volte a settimana è possibile ricorrendo a diverse specie ittiche, purché “oleose”, dal salmone allo sgombro. Lo studio è stato condotto dai ricercatori britannici in collaborazione con la IARC (International Agency for Research on Cancer) di Lione e grazie al finanziamento del World Cancer Research Fund (WCRF). La pubblicazione è avvenuta sulla rivista medica Clinical Gastroenterology and Hepatology. I partecipanti alla ricerca sono stati 476.160, seguiti per 15 anni (durante i quali 6.291 hanno sviluppato un tumore all’intestino). Come ha dichiarato il dott. Marc Gunter, a capo dello studio e del gruppo di Epidemiologia nutrizionale dello IARC:

La nostra ricerca mostra che mangiare pesce risulta ridurre il rischio di tumore all’intestino e dovrebbe essere incoraggiato come parte di una dieta sana.

Per ridurre il rischio di tumore al colon del 12% (rispetto a chi consuma 63 grammi settimanali) si dovrebbe consumare, spiegano i ricercatori, circa 359 grammi a settimana di un qualsiasi pesce oleoso. Anche soltanto 124 grammi permetterebbero di ridurre il pericolo del 10%. Merito anche del contenuto di omega-3, che aiuterebbe a contrastare la crescita tumorale. Nessun aiuto arriverebbe invece dai crostacei. Come ha concluso il dott. Gunter:

Il consumo di pesce sembra ridurre il rischio di tumore al colon-retto e dovrebbe far parte di una dieta sana. Una mancanza nello studio è l’assenza di dati relativi all’assunzione di supplementi (olio di pesce). Questa non misurata assunzione di supplementi potrebbe anch’essa avere un effetto sul tumore al colon, quindi ulteriori studi saranno necessari per verificare se l’olio di pesce influenza o meno il rischio di sviluppare un tumore all’intestino.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Mousse corpo fai da te con ingredienti naturali