Mangiare le caccole del naso rafforza il sistema immunitario

Mangiare le caccole del naso rafforza il sistema immunitario

Una ricerca dimostra come mangiare il muco nasale sia una strategia naturale per rafforzare il sistema immunitario.

È una delle abitudini più disgustose e punite in tutto del Pianeta, tanto da essere indice di grande maleducazione. Eppure un gesto così antipatico paia abbia degli effetti benefici sulla salute, come dimostra una ricerca dell’Università di Saskatchewan. Stiamo parlando del muco nasale, le cosiddette caccole, a quanto pare un toccasana per il sistema immunitario.

>>Scopri i super-cibi vegani per la salute

Il perché si sia studiato un comportamento tanto indesiderato come quello delle dita nel naso nasce dall’ovvia diffusione del gesto fra i bambini. Perché nei più piccoli, infatti, l’azione di liberarsi il naso con le dita per poi assaggiare il tutto è così compulsiva? Perché non entrano in atto meccanismi di blocco psicologico, come il disgusto o la nausea? Così il biochimico Scott Napper ha voluto andare a fondo della questione, ipotizzando si tratti di una strategia della natura per abituare il corpo a convivere con agenti potenzialmente infettivi, istruendo a poco a poco la risposta immunitaria.

Il muco nasale nasce proprio per intrappolare germi, batteri e virus in loco ed evitare che raggiungano i polmoni, infettando così il soggetto. L’introduzione in bocca di questa sostanza, soprattutto se in quantità ridotte, costituirebbe una sorta di pseudo-esposizione per l’individuo, che abituerebbe così il suo sistema immunitario a una risposta rapida contro questi agenti esterni. Insomma, sembra proprio che mettere le dita nel naso, per poi gustare i prodotti di questa particolare esplorazione, sia un valido metodo per sviluppare anticorpi sempre efficienti e reattivi.

>>Scopri i benefici della dieta mediterranea sulla salute

La ricerca è però ora solo nella fase delle ipotesi teoriche, con poca evidenza di dati empirici. I ricercatori vogliono quindi avviare un trial clinico per confermare o smentire la tesi e, per farlo, si ricorrerebbe a delle molecole di sintesi. Tali molecole sarebbero inserite con uno spray nel naso di due gruppi di volontari – uno d’esperimento e l’altro di controllo – a cui verrà richiesto di assaggiare il loro muco. Quindi si verificherà risposta immunitaria del corpo, per verificare l’eventuale bontà della teoria.

Foto: A Young Enterprising With His Finger On His Nose | Shutterstock

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Alla scoperta del Monte Amiata