Maltempo: strage di vongole, non saranno sulle tavole a Natale

Maltempo: strage di vongole, non saranno sulle tavole a Natale

Il maltempo influirà anche sulle abitudini alimentari di Natale degli italiani, a rischio i tradizionali spaghetti con le vongole.

Il maltempo sta colpendo duramente diverse Regioni italiane. Disastri ambientali e dissesto idrogeologico hanno costretto vari governatori regionali a chiedere lo stato di calamità naturale, ultimo quello piemontese Alberto Cirio. Ai gravi danni provocati al territorio e alla popolazione si aggiungono altri, meno gravi, ma che condizioneranno il comportamento a tavola di diversi italiani.

A causa delle condizioni meteorologiche avverse, delle forti piogge e delle mareggiata che si sono abbattute negli ultimi giorni si è verificata una vera e propria strage di lupini (vongola Venus Gallina, autoctona del Mediterraneo). A denunciare il tutto è stata Fedagripesca-Confcooperative, che sottolinea come questi esemplari siano pescati in mare (a differenza della “filippina”, allevata).

Secondo Fedagripesca-Confcooperative interi banchi di vongole sono stati spazzati via dalle mareggiate, spiaggiandosi e rimanendo senz’acqua; come avvenuto lungo le coste nei pressi di Chioggia, con migliaia di mitili sbalzati a 600 metri dal mare. Coinvolte dal disastro ambientale soprattutto le zone dell’alto Adriatico, situate tra Emilia-Romagna, Friuli e Veneto, dove risultato concentrato il 50% della produzione italiana.

Atteso quindi un drastico calo della produzione nazionale, che metterà quindi a rischio la fornitura al dettaglio e costringerà, chi non vorrà rinunciare agli “spaghetti alle vongole” di Natale, a ripiegare verso soluzioni allevate se non congelate. Prosegue intanto il clima di tensione tra Italia e Spagna per quanto riguarda la taglia minima di raccolta, acuito dall’annuncio a breve del verdetto UE sulla possibile proroga delle attuali disposizioni.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Un mini albero di Natale fai-da-te, ecco come si fa