Maltempo: esonda il lago di Como, danni e strade allagate a Lecco

Maltempo: esonda il lago di Como, danni e strade allagate a Lecco

Esondato il Lago di Como, nelle Province di Lecco e Sondrio le piene dei torrenti alpini hanno provocato allagamenti e chiusura di numerose strade.

Le piogge degli ultimi giorni in Lombardia hanno provocato allagamenti e disagi, particolarmente nelle Province di Como e Sondrio. Nella città lariana è esondato il lago, arrivando a occupare le due corsie del lungolago e di Piazza Cavour, una delle principali della città. Sul posto sono state inserite delle passerelle pedonali.

Case e ditte evacuate a Premana, Primaluna e Dervio in Provincia di Lecco, a causa dello straripamento dei torrenti Varrone e Pioverna, a seguito dei violenti temporali della scorsa notte. Pesantissimi i disagi anche in Val Varrone e Valsassina, con numerosi campeggi smobilitati. Il bilancio è di nessun ferito, particolarmente ingenti i danni materiali.

A Sondrio la piena di due torrenti ha provocato la chiusura della Statale 36 all’altezza di Samolaco. A San Giacomo Filippo, in Valle Spluga, in un territorio già funestato da una frana nello scorso anno, le esondazioni del Torrente Liro hanno provocato l’occupazione di detriti e fango di entrambe le carreggiate del by-pass stradale di Gallivaggio, aperto in concomitanza con il disastro naturale della scorsa estate.

Una serie di disastri che mostrano chiaramente il segno di uno scioglimento incontrollato dei ghiacciai alpini, in particolare quelle delle Alpi Retiche Meridionali. Secondo gli studi dell’Università di Padova dei ghiacciai del Gruppo dell’Adamello-Presamella e del Sella-Pordoi in Lombardia sono passate dai 123 km2 degli anni ’50, fino ai 43 km2 del 2006. Ogni anno l’area glaciale perenne delle Alpi si innalza di tredici metri.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Festival del Verde e del Paesaggio 2019: intervista a Gaia Zadra