Lockdown: come limitare il mal di schiena da smart working

Lockdown: come limitare il mal di schiena da smart working

Fonte immagine: iStock

Lo smart working da lockdown può portare a episodi di mal di schiena più o meno dolorosi: ecco gli esercizi e i rimedi naturali migliori.

Il lockdown indotto dalla pandemia di Coronavirus ha cambiato molte abitudini. Non parliamo soltanto della vita quotidiana, dove pure sono variati sia i modi e i tempi per fare la spesa o interagire socialmente con amici e conoscenti. Nemmeno solo dell’alimentazione, dove pure si è assistito a diverse modifiche derivate dal maggiore tempo a disposizione per cucinare. A cambiare sono state anche le abitudini lavorative con il ricorso sempre maggiore allo smart working, con il rischio di aumentare i casi di mal di schiena. Scopriamo perché e come risolvere il problema.

In diversi casi il lavoro d’ufficio e alcuni altri impieghi solitamente svolti nella sede aziendale si sono trasformati in telelavoro o “lavoro a distanza”. Individui prima abituati a trascorrere diverse ore in piedi o comunque a muoversi da e per il posto di lavoro si sono ritrovati incollati alla scrivania per diverse ore al giorno.

Questo si è trasformato per alcuni in un vero e proprio incubo sul fronte del mal di schiena. Diverse sono le cause che conducono a tale risultato, come fortunatamente sono i rimedi naturali e le soluzioni utili per ovviare al problema.

Mal di schiena da smart working in lockdown, come limitarlo

Uomo scrivania postura
Fonte: Foto di SnapwireSnaps da Pixabay

Cause del mal di schiena

(Torna al menu)

Le cause che possono portare al mal di schiena durante lo smart working sono varie. La più importante è senz’altro l’assunzione di una cattiva postura quando ci si trova alla tastiera o al tablet. Una cattiva pratica favorita in alcuni casi dalla mancata abitudine a trascorrere molte ore seduti alla scrivania.

Vi sono alcune altre possibili cause, tra le quali anche possibili colpi d’aria o il posizionamento dello schermo a una distanza o un’altezza non ottimale. In questi casi chiudere bene le finestre, coprire adeguatamente la schiena (tenendola al caldo) e regolando al meglio inclinazione e altezza del monitor aiutano a prevenire l’insorgenza del problema.

Stretching gambe
Fonte: Foto di StockSnap da Pixabay

Esercizi e rimedi naturali

(Torna al menu)

Assumere una postura corretta quando ci si trova alla scrivania o seduti davanti al computer è senza dubbio una delle soluzioni migliori. Evitare quindi di ingobbire la schiena o di curva le spalle. Cercare di mantenere il busto dritto, “aggiustando il tiro” attraverso la contrazione degli addominali.

Un altro modo è quello di tenere in allenamento gli stessi muscoli addominali. Non serve avere necessariamente un addome scolpito, ma una muscolatura tonica aiuta ad alleggerire il carico sulla schiena (soprattutto sulla zona lombare).

Altra possibilità è quella di ricorrere al Pilates. Alcuni speciali esercizi potranno alleviare il dolore alla schiena e migliorare la risposta dell’organismo alle “prove” future. Nel link di seguito la descrizione degli esercizi migliori per ottenere velocemente dei risultati.

Possibile svolgere anche alcuni semplici esercizi per allungare i muscoli della schiena. Ad esempio: partendo in piedi con braccia lungo i fianchi sollevare le estremità superiori fino a distenderle verso l’alto, successivamente piegare il busto cercando di toccare la punta dei piedi con le dita delle mani.

Piegando leggermente le ginocchia si intensificherà l’attività di stretching sulla schiena. L’esercizio può essere svolto anche partendo in posizione seduta, con le gambe distese a terra frontalmente.

Contro il dolore e le infiammazioni da mal di schiena si rivelano utili alcuni rimedi naturali quali l’artiglio del diavolo, il sambuco, l’argilla verde e il salice bianco.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle