Lo stress da lavoro porta le donne a ingrassare di più

Lo stress da lavoro porta le donne a ingrassare di più

Fonte immagine: Pixabay

Troppo stress da lavoro porta le donne a ingrassare di più secondo uno studio svedese: ecco alcuni consigli per evitarlo.

Un eccessivo carico di stress sul lavoro porta le donne a ingrassare di più. A sostenerlo uno studio condotto dalle università di Goteborg di Umeå, le cui conclusioni sono state pubblicate sulla rivista scientifica International Archives of Occupational and Environmental Health. Secondo i ricercatori la troppa pressione lavorativa giocherebbe un ruolo importante nel mancato controllo del peso corporeo.

I ricercatori svedesi hanno analizzato i profili di 3.872 persone, sia uomini che donne, nell’arco di circa 20 anni. L’esposizione a ripetute situazioni stressanti sarebbe corrisposta a un incremento di peso anche importante (intorno al 20%), limitatamente però alla componente femminile: l’eccessivo stress avrebbe aumentato il divario solo tra le colleghe sottoposte a un maggior numero di richieste rispetto a quelle meno soggette a pressione lavorativa.

Questa disparità si baserebbe, ipotizzano i ricercatori, su una specifica predisposizione genetica, che porta alcuni soggetti a subire più di altri tali effetti sul peso. A influire anche alcune cattive abitudini, come un sonno spesso insufficiente e l’assenza di contromisure per ridurre i livelli di cortisolo (anche detto ormone dello stress) nell’organismo.

Efficaci nel ridurre i livelli di stress possono essere alcune pratiche come la meditazione, la respirazione Zen, l’antica arte marziale cinese Tai Chi Chuan o persino una passeggiata nel verde (magari in un parco cittadino nei pressi dell’ufficio). Positivo il ricorso anche ad alcuni rimedi naturali “alimentari” come le tisane a base di camomilla, passiflora e valeriana, in grado di offrire un aiuto concreto anche per migliorare la qualità del sonno.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Beach Litter 2019: intervista a Stefano Ciafani – Legambiente