Litchi killer: 31 bambini morti per encefalopatia ipoglicemica

Litchi killer: 31 bambini morti per encefalopatia ipoglicemica

Oltre trenta bambini morti per il consumo del frutto originario della Cina, la causa pare essere un amminoacido killer.

È allarme intossicazione da litchi. Nello Stato del Bihar, nell’India settentrionale, è scoppiata un’epidemia che ha già colpito trenta bambini nel paese asiatico, morti a causa di un’encefalopatia ipoglicemica, un’infezione potenzialmente letale nell’infanzia.

La causa del fenomeno è da ricercare nella particolare composizione del frutto originario della Cina, e nella presenza di particolari amminoacidi al suo interno, capaci di alterare processi metabolici come la gluconeogenesi e la β-ossidazione degli acidi grassi, due funzioni dell’organismo essenziali per mantenere i normali livelli di glucosio fondamentali per la sopravvivenza. In sostanza, un attacco ipoglicemico molto accentuato, con le conseguenze tipiche del caso: convulsioni, infiammazioni cerebrali, incoscienza e decesso.

Secondo gli accertamenti di un team internazionale di ricerca – che ha pubblicato i risultati del suo lavoro in un articolo del The Lancet Global Health nel 2017 – le forti concentrazioni dell’amminoacido incriminato sarebbero presenti in particolare nei litchi acerbi, una neurotossicità spesso amplificata dall’uso di pesticidi e da fattori ambientali quali temperatura e umidità.

Condizioni di maturazione del frutto e ambientali particolarmente presenti nei mesi tra maggio e giugno, un periodo nel quale in India, Vietnam e Bangladesh, i bambini hanno l’abitudine di aggirarsi tra i frutteti per mangiarne grandi quantità. Un periodo che, stando ai dati, è quello a maggiore concentrazione di tragedie.

Un rischio che tuttavia, non riguarderebbe i paesi occidentali, sempre più interessati al frutto cinese: le scorte giunte nei nostri supermercati hanno un elevato grado di maturazione (e pertanto minore concentrazione di amminoacidi killer), oltre a un elevato prezzo, che ne scongiurano il consumo in grandissime quantità.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Snack alla frutta, ricetta per bambini