Lenti Blips: un microscopio a portata di smartphone

Lenti Blips: un microscopio a portata di smartphone

Fonte immagine: Blips

Abbiamo testato le lenti Blips capaci di trasformare uno smartphone in un microscopio digitale, il progetto sbarca ora su Mamacrowd.

Il mondo dell’infinitamente piccolo nel palmo della nostra mano, o meglio, all’interno della fotocamera del nostro smartphone. Tutto possibile grazie alle lenti prodotte dalla start up Smart Micro Optics, nata a Genova da una costola dell’Istituto italiano di Tecnologia.

L’obiettivo è semplice: fornire a tutti l’opportunità di esplorare e fotografare il mondo microscopico grazie alle lenti Blips, capaci di trasformare il proprio telefono in un microscopio digitale portatile.

Le Blips sono delle lenti adesive da applicare a qualsiasi fotocamera di qualsiasi smartphone. Attraverso l’app dedicata “Smo”, disponibile sia per prodotti Apple che per Android, si riescono ad osservare quei particolari del “minimondo” che sfuggono inevitabilmente all’occhio umano.

Ogni cosa può essere messa sotto l’ingrandimento delle lenti: fiori, piante, tessuti, pelle del viso, animali di piccole, medie e grandi dimensioni. Le Blips sono in grado di ingrandire di molto l’oggetto che si intende studiare e, vista la loro dimensione, possono essere trasportare comodamente in tasca.

Ad oggi è possibile acquistare le lenti su Amazon o sul sito di riferimento smartmicrooptics.com. Si possono scegliere 4 tipologie di kit, che variano da un costo di 11,90 euro a quello massimo di 49,90:

    • Blips Macro Plus: offre l’opportunità di ottenere immagini definite con un ingrandimento ottico fino a 5X;
    • Blips Macro: con un ingrandimento che arriva a 10X sono perfette per l’osservazione di piccolo parassiti, come quelli sulle foglie;
    • Blips Micro: si riescono a osservare oggetti con dimensioni pari a 4,5 micron (un micron è pari a un millesimo di millimetro);
    • Blips Ultra: qui lo smartphone diventa un potente microscopio grazie alla capacità di visionare oggetti grandi 3,5 micron.

La nostra prova

Noi di Greenstyle abbiamo provato le Blips con uno smarphone del brand Xiaomi, parliamo del modello Mi 5S. Le lenti risultano facili da applicare sulla camera del telefono, basta qualche tentativo e sensore ottico e lente collimano alla perfezione tra loro. Una volta applicata la lente desiderata, si può dare il via all’esplorazione dell’infinitamente piccolo.

Per l’esterno e per gli scatti in movimento consigliamo l’uso della Blips Macro Plus che, se da una parte rappresenta la lente con l’ingrandimento minore, ha dalla sua la “manegevolezza”. Mentre per le altre serve una mano molto stabile, la Macro Plus può essere infatti utilizzata in qualsiasi circostanza. Per le altre consigliamo di prelevare il campione che si intende analizzare e di metterlo bene a fuoco “dentro” al piccolo laboratorio che si può costruire grazie agli strumenti in dotazione con la scatola.

Per mettere bene a fuoco, occorre ricordare che le distanze tra fotocamera e oggetto devono variare da 5 millimetri a un massimo di 20-30 millimetri. Pur essendo utilizzabili le lenti anche con l’applicazione della fotocamera già installata sui propri telefoni, consigliamo di scaricare quella messa a punto da Smart Micro Optics, perché pensata appositamente per catturare nella maniera più veloce e pratica possibile i vostri scatti.

Smart Micro Optics sbarca su Mamacrowd

Dopo il successo per il lancio del prodotto riscosso sull’americana Kickstarter, la start up guidata dall’amministratore delegato, Andrea Antonini, sbarca adesso sull’italiana Mamacrowd.

Attraverso questa piattaforma per il crowdfunding la società Smo, proprietaria delle Blips, punta a sviluppare il prodotto, per cercare di rendere sempre più efficienti le proprie lenti. Grazie a una spesa minima, l’obiettivo è coinvolgere sempre più persone in questo “piccolo grande” mondo scientifico.

Per chi crede nelle potenzialità dell’azienda e nello sviluppo di strumenti futuri, basta una quota di 500 euro su Mamacrowd per diventare azionisti della Smo e per poter partecipare all’assemblea dei soci.

L’intenzione di Smo è quella di utilizzare i fondi raccolti anche per rafforzare la propria rete commerciale, approdando così nelle scuole, negli studi medici e nei laboratori di ricerca.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Una Pila alla Volta: intervista a Giulio Rentocchini