LED: efficienza record per quelli che imitano le lucciole

LED: efficienza record per quelli che imitano le lucciole

L'Optical Society of America informa di una nuova tecnologia che imita la struttura della cuticola delle lucciole per aumentare l'efficienza dei LED.

Un LED che imita la struttura delle lucciole. È questa l’ultima novità in materia di illuminazione ad alta efficienza energetica, che secondo l’Optical Society of America potrebbe essere facilmente adattata ai diodi esistenti, migliorando la tecnologia e riducendo ulteriormente i consumi.

Le lucciole generano la luce attraverso una particolare reazione chimica che avviene in cellule specializzate chiamate fotociti. Attraverso una parte dell’esoscheletro dell’insetto chiamato cuticola, la luce prodotta viene poi emessa verso l’esterno, con caratteristiche che potrebbero rivelarsi utili anche per il funzionamento dei LED.

>>Scopri le nuove lampadine a LED da 100 watt

La lanterna delle lucciole, infatti, è caratterizzata da livelli molto bassi di riflessione interna, che permettono alla quasi totalità della luce emessa di arrivare all’esterno. Copiando questo modello, i ricercatori sono riusciti a produrre uno strato che, applicato a un comune LED al nitruro di gallio, ne ha aumentato l’efficienza.

>>Scopri Firefly, il LED che dura 40 anni

Non è la prima volta che vengono replicate in laboratorio alcune caratteristiche delle lucciole, soprattutto nel settore delle nanotecnologie, ma questo tipo di ricerca è stata condotta adesso per la prima volta, mostrando risultati che per gli studiosi sono davvero interessanti: l’estrazione della luce nei diodi trattati con questo speciale sistema è infatti aumentata di una quota che sfiora il 55%.

Commenta Annick Bay, esperto di strutture fotoniche naturali che ha partecipato alla ricerca:

L’aspetto più importante di questo lavoro è che mostra quanto possiamo imparare osservando attentamente la natura.

I ricercatori, infatti, sperano di riuscire ad rendere la nuova tecnologia interessante dal punto di vista commerciale nell’arco di appena due anni, anche perché il sistema che imita la cuticola delle lucciole non richiede la costruzione di nuovi diodi, ma può essere applicato anche a LED già esistenti.

Seguici anche sui canali social